Search

Legge e contrordine – L’editoriale di Marco Travaglio [10/12/2023]

Gli ominicchi del governicchio Meloni, non contenti di avere Rai e Mediaset ai loro piedi, si credono forti perché ogni giorno attaccano un potere di controllo indipendente, e non si accorgono di quanto siano e appaiano deboli
Governo Meloni

di Marco Travaglio

Margaret Thatcher, non una mammoletta, diceva: “So che la Bbc mi attacca, ma non posso farci niente”. E si guardò bene dal farle qualcosa. Perché era forte e si sentiva forte. Così come la democrazia britannica, che mai tollererebbe attentati alla cattedrale dell’informazione. Ora questi ominicchi del governicchio Meloni, non contenti di avere Rai e Mediaset ai loro piedi, si credono forti perché ogni giorno attaccano un potere di controllo indipendente, e non si accorgono di quanto siano e appaiano deboli. Avendo un rapporto problematico col Codice penale, attaccano la magistratura e i suoi strumenti d’indagine (tipo le intercettazioni: perché sanno bene ciò che fanno e dicono) e depenalizzano le specialità della casa (l’abuso d’ufficio e il traffico d’influenze, che vietano familismi, cognatismi e raccomandazioni). Siccome mentono appena respirano, detestano la stampa libera che li sbugiarda con le domande e i fact checking. Ma sono anche ridicoli, quindi allergici alla satira: vedi diffida legale a Un giorno da pecora che osa sbertulare financo un ministro laureato. Ed essendo pure un branco di incapaci, non amano sentirselo rinfacciare da chi è pagato per far di conto. Un giorno è la Corte dei Conti, “riformata” per abolirne i controlli preventivi e prossimamente quelli successivi, con la scusa della “paura della firma” (ma basterebbe non firmare porcate e nessuno avrebbe nulla da temere). Un altro sono le soprintendenze (già bersaglio di Renzi), attaccate da Cingolani – consigliere di Pichetto Fratin – perché sono fissate col patrimonio culturale e ambientale. Un altro ancora è Bankitalia, che segnala i danni dall’abolizione del Rdc, del Pos obbligatorio e del tetto di 2 mila euro al cash e viene messa in riga da Fazzolari (“è partecipata da banche private”).

Poi c’è l’Ufficio parlamentare di bilancio che si permette di segnalare le leggi scritte coi piedi e/o senza copertura. Ci sono i pm e la polizia giudiziaria che indagano su chi commette reati: ergo, per Crosetto e altri, fanno “dossieraggi” e complottano contro il governo. Ci sono i giudici, tipo Apostolico e decine di altri, che disapplicano le leggi incompatibili con la Costituzione e la giurisprudenza europea, dunque per Meloni remano contro il governo e per Salvini devono dimettersi. C’è il Csm che per legge dà pareri sulle norme in materia di giustizia: complotto pure quello. Dulcis in fundo c’è l’Anticorruzione, che si ostina a essere anti anziché pro bocciando i favori a corrotti e corruttori nel codice degli appalti e nelle pratiche del Ponte sullo Stretto, quindi il presidente Giuseppe Busia se ne deve andare per far felice Salvini. E nell’attesa Nordio non lo invita alla Conferenza Anticorruzione dell’Onu. Al suo posto sarebbe perfetto Formigoni.

Il Fatto Quotidiano, 10 dicembre 2023

SHARE THIS ARTICLE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Read More

Why Voting Feels Futile in Modern Democracies

Marco Travaglio criticizes democratic leaders for not truly adhering to democratic principles, pointing out inconsistencies in the US, France, and Italy. It questions the value of voting when the system resists genuine change.

Weekly Magazine

Get the best articles once a week directly to your inbox!