Search

Gli incubi e la realtà – L’editoriale di Marco Travaglio [14/3/2024]

Travaglio critica media e politica italiani per distorsione realtà elettorale, sottolineando la lontananza tra narrazioni mediatiche e volontà elettorale.

Marco Travaglio critica l’approccio dei media italiani alla politica e alla copertura delle elezioni, sottolineando come spesso confondano i propri desideri o quelli dei loro editori con la realtà, distorcendo così la narrazione degli eventi politici. Travaglio osserva come questa tendenza sia evidente sia nel contesto della guerra in Ucraina che nella politica interna italiana, citando esempi di interpretazioni giornalistiche discutibili riguardanti le recenti elezioni in Sardegna e Abruzzo. In particolare, mette in luce come i giornalisti abbiano mal interpretato le vittorie e le sconfitte di certi partiti, attribuendo significati politici inadeguati o esagerando la portata di certi risultati elettorali. Travaglio sostiene che gli elettori, specialmente in contesti locali, tendono a ignorare le narrazioni imposte dai media e dai partiti, votando piuttosto in base alle loro percezioni dirette dei candidati e delle coalizioni, spinti da considerazioni pratiche e da un desiderio di trasparenza, onestà e rinnovamento. L’articolo conclude sottolineando l’importanza per i partiti di ascoltare di più gli elettori piuttosto che i commentatori, al fine di ottenere successo nelle urne.

* * *

di Marco Travaglio

Il principio di realtà fatica ad affermarsi non solo nel dibattito sulla guerra in Ucraina, ma anche in quello sulla politica italiana. E a espellerlo sono proprio coloro che dovrebbero basarsi sui fatti: i giornalisti. Che continuano a scambiare i loro desideri (o quelli dei loro padroni) per la realtà, con effetti comici. Dopo la vittoria di Todde in Sardegna vaneggiavano delle magnifiche sorti e progressive del campo largo (che non c’era: Azione e Iv stavano con Soru portandogli sfiga), piangevano per la dipartita dell’amato Centro e attaccavano Conte perché non era morto neanche stavolta, anzi sognava di sorpassare il Pd e – orrore – di tornare al governo. Ora, dopo la vittoria di Marsilio, vaneggiano della fine del campo largo (che ha portato sfiga a chi ci stava), esultano per la rinascita dell’amato Centro e attaccano Conte perché è rimorto un’altra volta. I più ridicoli spiegano le cadute di Lega e M5S come la giusta punizione per le immaginarie nostalgie gialloverdi, il “populismo” e la ritrosia a prolungare la guerra fino all’ultimo ucraino, come se gli abruzzesi avessero votato compulsando Limes. Eppure le analisi dei flussi confermano che gli elettori, specie nelle elezioni locali, sono l’opposto di come li immaginano o li vorrebbero i giornaloni: se ne infischiano degli ordini dei partiti, dei campi più o meno larghi, del Centro, del populismo, del sovranismo, dell’atlantismo e di altre fumisterie politichesi. Badano al sodo: scelgono il candidato e la coalizione che ritengono il meglio o il meno peggio per i loro interessi.

E gli elettori non sono tutti uguali: quelli ideologizzati votano sempre centrodestra o centrosinistra; quelli sudditi-scambisti votano chi li ha favoriti o chi potrebbe favorirli; quelli liberi o “di opinione” fluttuano da una parte all’altra o si astengono a seconda di ciò che passa il convento. Il M5S pesca soprattutto in quest’ultimo bacino: quello di chi chiede onestà, trasparenza, coerenza, soprattutto diversità e rinnovamento. Se sente puzza di establishment, non vota. Apprezza la leadership Pd dell’outsider Schlein, ma in Abruzzo è rimasto in gran parte alla larga da una coalizione con Calenda e Renzi e da un candidato presidente troppo vicino al ras D’Alfonso. Gli elettori Pd sono di bocca più buona: negli anni han dovuto votare pure Renzi e Calenda, oltreché legioni di impresentabili, e ingoiare governi tecnici e ammucchiate con B.. Ma hanno digerito tutto (almeno quelli rimasti) per l’ansia di governare purchessia, non avendo nel sangue l’opposizione. Però, appena han potuto scegliersi il segretario, hanno affossato il cocco dell’apparato, Bonaccini, e svoltato su Elly. I vertici Pd e M5S ascoltino di più gli elettori e meno i commentatori: per vincere le elezioni non basta, però aiuta.

Il Fatto Quotidiano, 14 marzo 2024

SHARE THIS ARTICLE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Read More

Western Media Manipulation and the Ukraine War

Western Media Manipulation and the Ukraine War

Western leaders and media have been distorting peace negotiation truths between Russia and Ukraine, fueling conflict for power. Hypocrisy and manipulation undermine public trust and sacrifice lives.

Weekly Magazine

Get the best articles once a week directly to your inbox!