Search

I birilli atlantisti – L’editoriale di Marco Travaglio [3/10/2023]

Anziché domandarsi perché il mondo si ribella ai loro diktat, fare autocritica e cambiare politica, i Buoni perseverano con la tecnica più puerile e suicida che esista: cercano Cattivi lontano da sé e, non trovandoli, se li inventano con paroloni vuoti nell’illusione di esorcizzarli.
The Slovak politician Robert Fico

I birilli atlantisti

di Marco Travaglio

L’ultimo audace colpo dei soliti noti è riuscito a resuscitare in Slovacchia lo sputtanatissimo ex (tre volte) premier Robert Fico, affiliato ai socialisti europei (che ora, siccome ha vinto le elezioni, vogliono espellerlo), fiero avversario delle armi a Kiev e dell’Ucraina nella Nato, popolarissimo per lo slogan a pronta presa “Prima gli slovacchi” (e gli altri si fottano). Da quando i geni atlantisti han deciso, giocando a Risiko in casa d’altri, che Putin sarebbe caduto a stretto giro per una delle 70 patologie mortali, o per un golpe che avrebbe trasformato la Russia in una democrazia occidentale, o per l’irresistibile controffensiva ucraina, sono venuti giù come birilli l’atlantista italiano Draghi, l’atlantista finlandese Marin, l’atlantista olandese Rutte, l’atlantista spagnolo Sánchez, gli atlantisti britannici Johnson e Truss. Intanto l’atlantista francese Macron ha perso la maggioranza; l’atlantista tedesco Scholz se la vede bruttissima; l’atlantista per eccellenza Biden non si regge neppure in piedi; in Africa si susseguono un golpe dopo l’altro al grido di “abbasso la Francia, viva Putin”; e in Brasile è tornato Lula, altro nemico giurato delle armi a Kiev e alfiere dei Brics con India, Cina, Russia, Sudafrica e altri sei Paesi (più 40 in lista d’attesa) che puntano a scaricare il dollaro. Un trionfo.

Anziché domandarsi perché il mondo si ribella ai loro diktat, fare autocritica e cambiare politica, i Buoni perseverano con la tecnica più puerile e suicida che esista: cercano Cattivi lontano da sé e, non trovandoli, se li inventano con paroloni vuoti nell’illusione di esorcizzarli: “Populisti” (aggettivo che si porta su tutto) e “putiniani” (new entry degli ultimi due o tre anni). Draghi fallisce? Ha stato Putin. Le Pen e Mélenchon più votati di Macron? Populisti e putiniani. Trump sopra Biden? Idem. I golpe in Africa? Ha stata la Wagner. Fico in Slovacchia? C’è dietro Putin. Il colonialismo occidentale, le auto-sanzioni europee che danneggiano più i sanzionatori del sanzionato, la guerra con tanti padri e nessuna speranza in Ucraina, la miopia ipocrita e destabilizzatrice della Nato (che, sulla pulizia etnica azera contro gli armeni del Nagorno Karabakh, sta con l’aggressore contro gli aggrediti), la sanguinosa e rapinosa resistenza degli Usa al tramonto dell’impero sono le cause che stravolgono i confini del mondo. Ma è vietato parlarne: come se, tacendole, sparissero. Fino al prossimo voto “sbagliato”, al prossimo golpe, alla prossima guerra. I Buoni non sbagliano mai e, se il resto del mondo li odia, è perché è cattivo, dunque non esiste perché arrivano sempre i “nostri” a “isolarlo”. Come nella vecchia storiella. “Comandante, ho fatto dieci prigionieri!”. “Bravo soldato, portali qui!”. “Eh, ma non posso: non mi lasciano venire!”.

Il Fatto Quotidiano, 3 ottobre 2023

SHARE THIS ARTICLE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Read More

Why Voting Feels Futile in Modern Democracies

Marco Travaglio criticizes democratic leaders for not truly adhering to democratic principles, pointing out inconsistencies in the US, France, and Italy. It questions the value of voting when the system resists genuine change.

Weekly Magazine

Get the best articles once a week directly to your inbox!