Search

Il Crosetto dove lo metto – L’editoriale di Marco Travaglio [20/12/2023]

Guido Crosetto è uno dei rari esseri raziocinanti in un governo-manicomio. Ma questa non è un’attenuante: è un’aggravante. Perché, diversamente da un Lollobrigida o da uno Sgarbi, non può non capire la gravità di ciò che fa e dice.
Guido Crosetto

di Marco Travaglio

Guido Crosetto è uno dei rari esseri raziocinanti in un governo-manicomio. Ma questa non è un’attenuante: è un’aggravante. Perché, diversamente da un Lollobrigida o da uno Sgarbi, non può non capire la gravità di ciò che fa e dice. Il primo a porre un ostacolo insormontabile alla sua nomina a ministro della Difesa fu proprio lui due estati fa in un’intervista a Tpi: “Sarebbe inopportuno, dato il mio lavoro”. Parole sante: era presidente degli industriali della difesa e degli armamenti (Aiad) e senior advisor di Leonardo, e andare al ministero che dà appalti ai suoi ex consociati e committenti avrebbe creato un discreto conflitto d’interessi. Infatti andò proprio lì. E, non contento, a luglio, con un trasloco-fiume tuttora in corso, ha iniziato a trasferirsi con la famiglia dai Parioli in casa di Carmine Saladino, presidente e socio di Maticmind, colosso della cybersecurity affiliato all’Aiad, appaltatore di Servizi e ministeri (fra cui la Difesa), partecipato da Cdp (cioè dal Mef del suo collega Giorgetti): un sontuoso appartamento di 220 mq. con attico, superattico, box, cantine e soffitte, in cui vive stabilmente almeno da settembre con la moglie e i figli. Un fatto che – stando al Crosetto prima della cura – sarebbe inopportuno anche se pagasse l’affitto. Ma lo è molto di più visto che non ha scucito un euro: lo farà “da gennaio perché ci sono ancora lavori in corso” (oltre al trasloco da record mondiale). Questo ha dichiarato ai nostri Lillo e Pacelli e questo abbiamo riportato sul Fatto.

Ma ieri dev’essersi accorto che la scusa non regge e allora, scartato l’alibi scajoliano dell’insaputismo, ha scritto su Twitter che si è “stufato” (senza precisare di cosa). E ha postato le foto dei lavori con tanto di operai (con protezioni antinfortunistiche un po’ opinabili), scalette, calcinacci, cavi scoperti, sacchi di cemento, latte di vernice, pennelli e cartoni in un paio di stanze. Noi vogliamo sperare che le altre siano abitabili, altrimenti non si spiega come faccia a presentarsi sempre lindo e pinto senza macchie di calce sulla giacca e spruzzi di minio sul capoccione. Se fosse così gentile da mostrarci gli altri 200 mq dell’appartamento, potremmo tranquillizzare i fan sulle condizioni di vita sue e dei suoi cari. Naturalmente continueremmo a tacere l’indirizzo, nel rispetto della sua privacy e della sua sicurezza. Eppure Crosetto fa la vittima: “Grazie per aver resa pubblica la mia residenza”. Ma noi abbiamo scritto soltanto che è “in zona Aurelia a due passi dal Vaticano”, dove sorgono migliaia di edifici (siamo nella Roma del 2023, non del ’500). Semmai è stato lui, con quelle foto, a fornire preziosi indizi sull’ubicazione dello stabile. Che però, più che a un attico&superattico nel centro di Roma, fa pensare a un bilocale di Gaza City.

Il Fatto Quotidiano, 20 dicembre 2023

SHARE THIS ARTICLE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Read More

Why Voting Feels Futile in Modern Democracies

Marco Travaglio criticizes democratic leaders for not truly adhering to democratic principles, pointing out inconsistencies in the US, France, and Italy. It questions the value of voting when the system resists genuine change.

Weekly Magazine

Get the best articles once a week directly to your inbox!