Search

La spia che venne dal Pincio – L’editoriale di Marco Travaglio [22/2/2024]

Travaglio critica Ferrara, ex informatore CIA, per le sue lezioni ad Assange, sottolineando l'ipocrisia dei media e la lotta per la verità.
Giuliano Ferrara: La spia che venne dal Pincio

Nell’editoriale “La spia che venne dal Pincio” di Marco Travaglio, pubblicato su Il Fatto Quotidiano il 22 febbraio 2024, viene rievocata la confessione del 2003 di Giuliano Ferrara, ex direttore del Foglio, riguardo al suo ruolo di informatore per la CIA negli anni ’85-’86. Ferrara raccontò di essersi lasciato corrompere facilmente da un agente americano, con scambi avvenuti al Pincio. L’Ordine dei giornalisti non intervenne su tale rivelazione, e oggi Ferrara, ironicamente, critica Julian Assange e minimizza le sue sofferenze dopo 13 anni di detenzione, suggerendo riflessioni sulle conseguenze delle azioni di Assange. Travaglio contrappone l’atteggiamento verso Assange, perseguitato per aver divulgato verità, con quello verso Ferrara, rimasto impunito nonostante la sua ammissione. L’articolo denuncia inoltre la scarsa attenzione dei media italiani al caso Assange, sottolineando come la verità e la libertà di stampa siano compromesse da interessi e ipocrisie, evidenziando la dissonanza tra il trattamento degli oppositori politici e la protezione dei crimini documentati da Wikileaks.

* * *

di Marco Travaglio

Nel 2003 Giuliano Ferrara, direttore del Foglio berlusconiano, confessò con fierezza che nel 1985-’86 aveva fatto l’“informatore prezzolato della Cia” e si era “lasciato corrompere senza troppi problemi” da un “giovane sveglio e simpaticissimo agente americano” che lo pagava in “dollari avvolti in una busta giallina, fantastica, del peso giusto. E perdere l’innocenza era meraviglioso. Qualche conversazione avveniva al Pincio” e “il passaggio di mano della busta aveva qualcosa di erotico”. L’Ordine dei giornalisti riuscì a non fare nulla e ora ci tocca pure leggere la spia Ferrara che dà lezioni di deontologia ad Assange. E si permette pure di irridere le sue drammatiche condizioni dopo 13 anni di cattività: “Si è sposato, ha fatto due bei figlioli” e ora “l’augurio è che in carcere il riscaldamento funzioni meglio che nella tana del lupo siberiano”, ma soprattutto che il reprobo rifletta “su quel lancio di agenzie rubate in libertà, altrimenti 175 anni sono anche pochi” (oltre che una spia, Ferrara è anche un noto garantista). La differenza fra l’Impero del Bene e quello del Male è tutta qui: il primo, se fai il giornalista e dai notizie vere, ti arresta, ti seppellisce vivo ma malato in galera, poi ti condanna a morte o a vita; il secondo, se fai l’oppositore xenofobo, ti arresta, ti condanna a 21 anni e ti fa o ti lascia morire.

Intendiamoci: in un Paese in cui La Stampa non dedica una riga all’udienza su Assange a Londra, Repubblica un trafiletto affogato nelle sette pagine quotidiane su Navalny e il Corriere un cazziatone di Aldo Grasso a Riccardo Iacona per avere “sposato la causa di Assange”, definito “attivista che non ha mai fatto giornalismo d’inchiesta” (vuoi mettere le inchieste di Aldo Grasso), ma ha commesso “reati” (quali, visto che nessuno l’ha condannato?), c’è da rallegrarsi perché almeno il Foglio mette Assange in prima pagina. Poi, certo, mente spudoratamente secondo le usanze della casa: abituato a contar balle fin da piccolo, Ferrara non può che detestare Assange che dava notizie vere. Infatti lo accusa di aver messo a “serio rischio l’incolumità di informatori e soldati della Cia e del Pentagono” e le loro “magagne senza le quali la nostra libertà non esisterebbe”. Ora, Assange non ha messo a rischio la vita di nessuno e la nostra libertà esisterebbe anche se Cia e Pentagono non avessero sterminato un milione di innocenti tra Afghanistan e Iraq né torturato prigionieri ad Abu Ghraib e a Guantanamo (dove le torture continuano). Anzi, se i crimini documentati da Wikileaks non fossero stati commessi, oggi avremmo qualche titolo a dare lezioni di democrazia a Putin. A proposito: i “giornalisti” pagati dalla Cia dovrebbero allegare i bonifici sotto la firma e farvi seguire l’articolo. Se avanza spazio.

Il Fatto Quotidiano, 22 febbraio 2024

SHARE THIS ARTICLE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Read More

Weekly Magazine

Get the best articles once a week directly to your inbox!