Search

Il posto giusto – L’editoriale di Marco Travaglio [29/11/2023]

Nell'editoriale di oggi, Marco Travaglio suggerisce un esperimento audace che coinvolge il prelievo di un mafioso detenuto al regime carcerario 41-bis.
Crosetto - Operazione Speciale - Vignetta di Franzaroli

Nell’editoriale di oggi, Marco Travaglio suggerisce un esperimento audace che coinvolge il prelievo di un mafioso detenuto al regime carcerario 41-bis. Bendato e portato a un dibattito parlamentare senza conoscere la sua ubicazione, il mafioso ascolta discussioni sulla magistratura, giustizia e inchieste. Emergono opinioni contro la magistratura, richieste di riforme e critiche a indagini considerate strumento politico. Il mafioso, in un tentativo di indovinare il luogo, riconosce un “clima familiare” e intuisce correttamente di trovarsi in un summit di cosca.

di Marco Travaglio

Esperimento: prelevare un mafioso detenuto al 41-bis, bendarlo, portarlo a un dibattito in Parlamento senza dirgli dov’è e lasciarlo in ascolto.

“Mi raccontano di riunioni di magistrati che parlano di come fermarci. Siccome ne abbiamo viste di tutti i colori, mi aspetto ricomincino”.

“Il pericolo è l’opposizione giudiziaria che ci ha sempre affossati”.

“Dopo i casi Tortora, Mannino, Mori e la storia di centinaia di persone dal 1994 a oggi, si può nascondere come si è comportata una parte della magistratura?”.

“Non se ne può più, ci vuole una riforma della giustizia”.

“Siamo sotto attacco, arriveranno nuove inchieste”.

“Se non facciamo qualcosa, verranno a prenderci uno per uno”.

“Mi aspetto le solite inchieste a orologeria”.

“Fanno politica con le indagini”.

“Aveva ragione Silvio, i giudici sono pazzi, antropologicamente estranei alla razza umana: se fai quel mestiere devi essere mentalmente disturbato”.

“Bisogna fargli il test psico-attitudinale”.

“E dargli le pagelle come a scuola”.

“Sì, ma il voto dobbiamo darglielo noi avvocati, così ci divertiamo”.

“I magistrati sono un cancro da estirpare”.

“Peggio della banda della Uno Bianca”.

“Eversori, roba da Brigate rosse”.

“Tangentopoli è stata una barbarie”.

“Puro Terrore giacobino”.

“Invece di inseguire teoremi su di noi, vadano a prendere i veri delinquenti”.

“Io non ce l’ho con tutti i magistrati, solo con quelli che mi perseguitano”.

“Si sono pure inventati la trattativa Stato-mafia”.

“Rovinano il buon nome della Sicilia”.

“E della Campania allora?”.

“Ma pure della Calabria”.

“Danneggiano l’economia e il Pil”.

“Le tasse sono un pizzo di Stato”.

“L’evasione di chi si vede chiedere il 40 o 50% del guadagno è un diritto naturale nel cuore degli uomini”.

“Lasciamo in pace le partite Iva e diamo la caccia ai veri evasori”.

“E basta con ’sti Pos e ’sti limiti ai contanti, io pago e incasso cash, mica siamo in Russia”.

“Con la mafia bisogna convivere”.

“Il Ponte sullo Stretto ce lo invidierà tutto il mondo”.

“Basta controlli antimafia, rallentano gli appalti e i lavori”.

“Non possiamo mica fare una gara per ogni appalto”.

“Le intercettazioni violano la privacy e la Costituzione, sono un inutile spreco di denaro”.

“Tanto i veri mafiosi non parlano al telefono”.

“Bisogna abolire l’abuso d’ufficio”.

“E il traffico di influenze illecite, allora?”.

“La blocca-prescrizione di Bonafede è una bomba atomica”.

“Bisogna ripristinare la prescrizione, che è una garanzia per tutti”.

“O almeno tenerci l’improcedibilità”.

“Pure questo Ranucci di Report ha scassato la minchia”.

“Sì, ma pure ’sto Fatto Quotidiano”.

A questo punto il mafioso prova a indovinare dove si trova: “Avverto un clima familiare, sento aria di casa… Ci sono: è un summit di cosca?”. La risposta è esatta!

Il Fatto Quotidiano, 29 novembre 2023

SHARE THIS ARTICLE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Read More

Weekly Magazine

Get the best articles once a week directly to your inbox!