“Questo film importante evidenzia le scelte che dobbiamo fare per aiutare a proteggere questo pianeta e tutti i suoi abitanti. ”
—Paul McCartney

Dott.ssa Jane Goodall (Primatologa, Messaggero di Pace delle Nazioni Unite) – Gran Bretagna – Penso che il messaggio più importante che ho sia di ricordarti che TU, ed è a te che sto parlando, che guardi questo film, …tu fai la differenza! Tu come individuo fai la differenza … Ciò che fai ogni giorno ha un impatto su cosa succede nel mondo ogni giorno. Quindi, la tua vita conta, tu sei importante e usa saggiamente la tua vita.

FME Media presenta
un film di Nina Messinger
H.O.P.E. (“Guarigione Del Pianeta Terra”) Quello che mangi conta

Lascia che il tuo cibo sia la tua medicina e la tua medicina sia il tuo cibo.
—Ippocrate

La dieta occidentale, sfortunatamente, è associata allo sviluppo di alcune malattie piuttosto serie. – malattie cardiache, cancro, diabete, obesità – è come uno tsunami!

[Narratore] Malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte. In tutto il mondo, più di 17 milioni di persone muoiono di infarto o ictus – all’anno. Il numero di casi di cancro sta aumentando drammaticamente. Un uomo su quattro e una donna su cinque, muoiono di cancro.

Il diabete è ormai diventato un’epidemia. E ormai, un europeo/americano su due è sovrappeso.

La cosa interessante è che tutti gli esperti sarebbero d’accordo che la causa di questo tsunami è davvero il nostro stile di vita. E la cosa affascinante è che la maggiore forza trainante all’interno di quello stile di vita che crea queste malattie è la nostra dipendenza dall’alimentazione animale.

E penso che questa idea debba essere trasmessa alle persone, ovvero che esiste una forte associazione tra la dieta occidentale, ad alto contenuto di alimenti di origine animale, cibi trattati, proteine e grassi di origine animale… e così via – e malattie. Le persone devono sapere che è proprio vero.

[Narratore] Mai prima d’ora siamo stati così bene informati sulla nutrizione, nella teoria. In pratica, nella vita di tutti i giorni, soccombiamo a voglie insensate. Divoriamo pasti istantanei, ingurgitiamo piatti da bar, e ci abbuffiamo con il fast food. E praticamente cosa è sempre contenuto in questi prodotti? carne!

Prima, la carne era il cibo delle persone ricche, e i cittadini medi non l’avevano mai avuto. In seguito, solo una volta a settimana – arrosto della domenica. E ora, possiamo tutti permetterci di vivere come re e principi. Finanziariamente, almeno. Ma dal punto di vista della salute, non possiamo permettercelo.

[Narratore] Nonostante tutti gli avvertimenti, stiamo mangiando sempre più carne: Non c’è giorno senza carne, nessuna festa senza carne, nessuna pausa senza carne; è una parte normale della nostra dieta perché è tradizione, è economico – e perché ha un buon sapore.

Per 65 anni la mia dieta era la dieta americana standard. Mangiavo carne e pollo, pesce e pollame e tanto burro … e tutto ciò che aveva un buon sapore.

[Narratore] Nel 2010, all’età di 66 anni, Sharon Kintz iniziò a pensare alle sue abitudini alimentari – in seguito ad un evento drammatico.

A quel tempo mi era già stata diagnosticata la pressione alta, quindi ero consapevole di ciò, ma avere un infarto mi ha colto completamente di sorpresa. Gli unici sintomi che ebbi, prima di quello, furono pesantezza tra le mie braccia, dolore alla mascella e sentirmi stanca, più stanca del solito.

[Narratore] Questo incubo in termini di salute portò Sharon Kintz nell’unità di terapia intensiva.

Durante il cateterismo cardiaco è stato determinato che avevo un blocco del 100% in un’arteria, e il 65% in un’altra e il 75% in un’altra ancora. Quindi, in realtà c’erano pochissime opzioni disponibili per me oltre alla chirurgia a cuore aperto.

[Narratore] Caldwell B. Esselstyn è un esperto nel campo delle malattie cardiache, un chirurgo e ricercatore di fama mondiale, e uno dei “migliori medici” negli Stati Uniti. Oggi l’82enne dirige il programma di prevenzione e inversione cardiovascolare al Cleveland Clinic Wellness Institute in Ohio. Già negli anni ’80, il dott. Esselstyn aveva iniziato a mettere in discussione i metodi per il trattamento delle malattie cardiache. Hanno solo combattuto i sintomi, ma senza sbarazzarsi della causa. Ricerche intensive lo hanno portato alla conclusione che: Le nostre malattie cardiovascolari sono causate dalle nostre abitudini alimentari!

Quando osserviamo la causa delle malattie cardiache non confondiamoci, dando la colpa ai geni o soltanto all’età, o dando la colpa alla sorte. La malattia cardiaca è una malattia che nasce dal cibo! E ormai sappiamo che, ogni volta che certi cibi passeranno dalle tue labbra, starai ulteriormente mettendo a rischio e danneggiando, la capacità delle cellule endoteliali di produrre ossido di azoto.

[Narratore] Le cellule endoteliali sono cruciali per i nostri vasi sanguigni e per il cuore. Allineano i nostri vasi sanguigni e producono il protettivo ossido di azoto. E l’ossido di azoto ha quella meravigliosa funzione di far sì che il sangue scorra senza intoppi, è il più potente vasodilatatore nel corpo. Ti protegge anche dall’avere ipertensione perché impedisce alla parete arteriosa di diventare rigida, infiammata o ispessita. Soprattutto, un abbondante, normale quantità di ossido d’azoto ti preventirà l’insorgere di blocchi o placche.

[Narratore] Gli scienziati sanno che le malattie cardiovascolarei iniziano con un danno progressivo alle cellule endoteliali. E qui è esattamente dove entrano in gioco le nostre diete … Il consumo eccessivo di alimenti a base animale o trattati danneggia le nostre cellule endoteliali. Il consumo regolare di questi prodotti diminuisce sempre più la riserva protettiva di ossido d’azoto nei nostri vasi sanguigni. Questo porta a infiammazione, indurimento e restringimento dei vasi sanguigni. Questi possono avere conseguenze potenzialmente letali, come infarto o ictus, o causare arteriosclerosi.

[Narratore] Anni di ricerca e esperienza personale hanno fornito al dott. Esselstyn prove conclusive che una dieta a base vegetale può non solo prevenire la progressione di malattie cardiache ma può anche invertirne gli effetti.

[Narratore] Esselstyn ha curato con successo centinaia di pazienti con il suo programma. Consiste in una dieta a basso contenuto di grassi, e puramente vegetale. Quando sei disposto a prenderti del ​​tempo per far capire ai pazienti la scienza che c’è dietro e si rendono davvero conto di aver causato queste malattie dagli alimenti che hanno mangiato, all’improvviso si rendono conto che li stai riconoscendo come questo “luogo di controllo” per fermare la loro malattia. Non devono dipendere dal loro cardiologo, o da un’operazione, o una medicina questo potrebbe avere effetti collaterali significativi. Sono stati autorizzati a farlo da soli.

[Narratore] Con l’aiuto del dott. Esselstyn, anche Sharon Kintz, ha completamente ristrutturato la sua dieta – eliminando tutti i prodotti di origine animale. Ha rifiutato l’operazione al cuore raccomandata dai suoi dottori. Sharon Kintz ha deciso di usare il cibo come medicina.

Avevo iniziato da quattro settimane e già il dolore tra le mie braccia era scomparso e così anche il dolore alla mandibola e avevo molta più energia. Quindi, presi molto seriamente il programma del Dr. Esselstyn.

[Narratore] Quando Sharon Kintz fu diagnosticata per la prima volta, poteva a malapena camminare. Quasi due anni dopo il suo trattamento con Dr.Esselstyn, è di nuovo fisicamente in forma. E ha realizzato uno dei suoi sogni: Nel 2012, all’età di 68 anni, ha preso parte con successo in una mezza maratona – per la prima volta nella sua vita.

Mi rendo conto che le persone hanno sempre da fare, ma stai parlando della tua salute e se vuoi vivere una vita lunga e sana ed essere in grado di contribuire a qualcosa, allora devi prenderti cura del tuo corpo e per farlo devi – secondo me – mangiare a base vegetale.

[Narratore] Consumiamo inoltre troppo latte. E la disponibilità di prodotti caseari continua a crescere. Ma questi prodotti sono effettivamente d’accordo con noi? Dopo tutto, quasi il 75% della popolazione mondiale e il 20% degli europei sono intolleranti al lattosio, in altre parole: incapaci di digerire correttamente i latticini. I prodotti lattiero-caseari non contengono carboidrati complessi o fibre e pochissime vitamine. Invece sono pieni di grassi saturi, colesterolo e proteine ​​animali.

Quando siamo giovani e in fase di crescita, tutti vogliono provare a darci da mangiare latticini, assicurandosi di avere latte tutti i giorni. La scienza ora è davvero ad un punto dove ciò non può essere sostenuto. Ormai è ampiamente dimostrato da parte di straordinari investigatori, come T. Colin Campbell, che ha chiaramente mostrato come la caseina, che è la principale proteina del latte, sia davvero uno dei più forti promotori del cancro.

[Narratore] T. Colin Campbell è uno scienziato nutrizionale famoso in tutto il mondo. In una serie di esperimenti è stato in grado di dimostrare che le proteine ​​animali – caseina in particolare – promuovono tutte le fasi di crescita del cancro. Negli esperimenti, ai ratti venivano somministrate sostanze cancerogene. In un secondo momento, metà è stata nutrita con una dieta arricchita con un 5% di caseina; e l’altra metà con un 20% di caseina. Il 20% corrisponde approssimativamente alla quantità consumata nelle diete occidentali.

[Narrator] con una dieta arricchita con un 5% di caseina gli animali non hanno sviluppato il cancro. Con una dieta arricchita con un 20% di caseina, tuttavia, la crescita del cancro veniva stimolata in modo significativo. Il professor Campbell fece un passo in più: Ogni tre settimane alterava la dieta dei ratti.

Quindi subito dopo abbiamo fatto degli studi iniziando con gli animali nutriti con il 20% di caseina, lasciando che il cancro iniziasse a crescere, e poi gli abbiamo abbassato la dose al 5% di caseina … e il cancro è andato via. Abbiamo restituito il 20%, ed è tornato di nuovo. Abbiamo riabbassato la dose al 5% e il cancro è andato via. Quindi potevamo attivare e disattivare lo sviluppo del cancro semplicemente cambiando la quantità di caseina che avevano consumato.

[Narratore] Questi risultati sono anche supportati da prove con gli esseri umani. – Sappiamo anche che tutto il grasso saturo e la caseina nei latticini, aiuta ad accelerare e promuovere le malattie cardiache. E poi abbiamo anche l’altro problema delle fratture negli anziani. Quindi, abbiamo questo problema di aumento del cancro, aumento di malattie cardiache e aumento di fratture. Non è una bella cosa, i latticini dovrebbero davvero essere eliminati. C’è molto dibattito che senza latte non abbiamo abbastanza calcio Il calcio è importante per la stabilità delle ossa, dovrebbe prevenire l’osteoporosi. Ma test sulle persone che non consumano latte o latticini dimostrano che l’incidenza dell’osteoporosi è molto più bassa rispetto a chi ne consuma.

Inoltre i latticini, e ci sono buone prove su questo, hanno alcune proprietà allergizzanti. Tende ad essere associato ad allergie, sia direttamente associate, sia aumentando allergie provenienti da altre fonti. E così vediamo situazioni, come nel caso degli adolescenti, che si ritrovano spesso con quest’acne, dermatiti. Molto di ciò è dovuto al loro consumo di latticini, appena smetti di consumarne, questo problema se ne va. I latticini sono associati con l’emicrania, Conosco un sacco di persone che hanno questi mal di testa, ed è una specie di allergia. Come l’acne, è una specie di allergia. Lo fermi e va via, ed è molto veloce. Ed ero solito dire queste cose con grande riluttanza perché sono cresciuto in una fattoria, Sono cresciuto mungendo le mucche, e poi quando sono andato via per fare il mio dottorato ho fatto la mia dissertazione sull’idea di promuovere più consumo di latticini. Quindi non sto dicendo queste cose piuttosto negative sui latticini per qualche ragione ideologica o per ragioni personali, Lo sto dicendo in riferimento alle prove, ai dati. Questo è quello che dimostrano. “

[Narratore] Il consumo eccessivo di prodotti di origine animale come carne, pesce, latticini, uova mettono a dura prova i nostri corpi. Ed è ciò che anche un medico di Francoforte, Lothar Wendt, ha scoperto nella sua ricerca. Nel 1949 mio padre Lothar Wendt aveva inizialmente formulato il concetto di “Malattie da Accumulo di Proteine”, che abbiamo continuato a sviluppare da allora. E la tesi di base è questa: Troppe proteine ​​animali nella propria dieta causano malattie.

[Narratore] T.Colin Campbell è arrivato alla stessa conclusione. È stato all’avanguardia nella ricerca nutrizionale per più di 40 anni e negli anni ’80 e ’90 ha diretto il “Progetto Cina-Cornell-Oxford”, meglio conosciuto come “The China Study”. Questo è lo studio nutrizionale più completo nella storia della ricerca biomedica, fino ad oggi. Ha confermato la teoria di Campbell.

Tendiamo a voler consumare proteine, il che significa che vogliamo consumare carne, perché è ciò che presumibilmente ci rende forti e sani. Questa è stata una vecchia storia per molto tempo. Ma in realtà, aggiungendo sempre più proteine, o carne, nella nostra dieta vediamo che queste malattie iniziano ad apparire.

[Narratore] The China Study – così come numerosi altri studi – dimostra soprattutto una cosa: Maggiore è il consumo di prodotti di origine animale, maggiore è la frequenza di malattie cardiache, cancro, diabete e innumerevoli altre malattie croniche. Anche piccole quantità di prodotti animali possono avere un significativo effetto negativo sulla nostra salute.

[Narratore] L’ingegnere elettrico di 53 anni, Arthur Soteros, divenne persino vittima della sua dieta. Quantità eccessive di carne, pesce e latticini… … e le conseguenze lo hanno raggiunto. I miei primi problemi di salute sono iniziati circa 20 anni fa quando avevo circa 30-32 anni. Mi è stato diagnosticato il diabete di tipo 2. Che circa 10 anni dopo ha portato a una malattia cardiaca. Il mio primo scontro con malattie cardiache fu a 42 anni, e quello che sentivo era un senso di bruciore al petto, che poi si è rivelato un ostruzione. Andai al pronto soccorso e scoprii che era un ostruzione e che necessitavo un intervento e uno “stent”. Quella fu la mia prima esperienza.

[Narratore] Uno “stent” è un impianto progettato per tenere un vaso sanguigno aperto. Arthur Soteros aveva bisogno di cinque di questi stent impiantati. Ha ripetutamente sofferto di dolore al petto e un restringimento dei suoi vasi sanguigni. E alla fine, necessitava di un doppio intervento di bypass coronarico.

Quindi ero sicuro che dopo aver fatto l’intervento di bypass Sarei stato libero ed esente da qualsiasi problema al cuore per 10 anni. Ma non andò così. Dopo circa un anno sviluppai di nuovo l’angina (dolore al petto) e quello che poi si rivelò essere l’innesto venoso che avevano usato durante la mia operazione di bypass e che si era ostruito, che poi ha richiesto un altro stent, e allora, pochi mesi dopo, un altro stent finché la frequenza di tali stent diventò di sole 2 settimane.

[Narratore] Il ritorno rapido delle occlusioni dei vasi sconcertò i medici. Soteros lasciò l’ospedale senza speranza. – Ho pianto e ho pianto come un bambino, perché non ero pronto a morire e ho gridato a Dio per darmi opzioni. Penso che Dio mi abbia salvato la vita. Era la misericordia e la grazia di Dio che in realtà mi ha dato delle opzioni e messo su un sentiero diritto, indicandomi la direzione di una dieta a base vegetale.

[Narratore] Tramite un membro della sua comunità parrocchiale Arthur Soteros ha saputo del dott. Esselstyn e della sua terapia basata sulla nutrizione. Consultò il dottore e con il suo aiuto ha ristrutturato la sua intera dieta.

Entro 30-40 giorni da quel momento di bruciore al petto che stavo vivendo e di torpore facciale che ho vissuto durante la mia malattia… era tutto andato via. È stato quindi seguendo questa dieta a base vegetale che, entro circa 5 mesi da quel momento in poi, quando stavo facendo una visita con il mio cardiologo e medico di famiglia, che aveva monitorato il mio diabete, mi era stato detto che il mio diabete era sparito. E poi ho fatto un’altra visita ad Ottobre 2010 con il mio optometrista – per gli occhiali da vista che stavo indossando – mi guardarono e dissero: “perché stavo indossando queste cose?” Tutto ciò di cui avevo bisogno era solo di occhiali per leggere. Quindi, con l’inversione del mio diabete la mia vista migliorò

[Narratore] Il problema al cuore di Arthur Soteros è scomparso. I risultati dei suoi esami del sangue sono normali ed è stato in grado di ridurre notevolmente le sue medicine. E ha anche perso 20kg di peso in eccesso. – Mi sento meglio ora all’età di 53 anni rispetto a quando ne avevo 30.

Nel corso degli anni ho avuto molti studenti, molti colleghi e abbastanza soldi da poter fare ogni tipo di ricerca E ho scoperto che quello che credevo all’inizio era sbagliato: e che una dieta ricca di alimenti a base animale è un problema; Che una dieta ad alto contenuto di alimenti trasformati è un problema. In molti modi diversi. L’unica soluzione è un’alimentazione completa a base vegetale! È così chiaro! E quando le persone seguono questa dieta, non solo prevengono malattie future, ma sono realmente capaci di curare malattia esistenti.

Nel dicembre 2006 mi è stato diagnosticato un cancro ai polmoni nell’ultima fase. Si era metastatizzato e diffuso ai miei linfonodi. Il tumore fu rimosso e così pure i miei linfonodi. Mi fu consigliato di iniziare la chemioterapia. L’ho rifiutata. Invece, ho consultato un medico che è in favore di una guarigione con soluzioni a base vegetale. Ho seguito il suo consiglio e oggi sono libero dal cancro perché ho rinunciato a mangiare prodotti animali e preferisco i prodotti vegetali. Ma non solo, soprattutto privi di pesticidi, piante naturali, verdure, frutta e altri alimenti, che non sono stati riscaldati e in questo modo ricevo il massimo di nutrienti. Questa, secondo me, è la ragione per cui oggi sono libero dal cancro.

A mia moglie Karen è stato diagnosticato un grave tipo di cancro (melanoma al terzo stadio). Si è rifiutata di fare la chemioterapia e di sottoporsi all’intervento. Allora è diventata veramente rigida sulla sua dieta. Ora sono passati circa 9 anni e non ha problemi. I cibi a base di piante hanno tanti benefici perché contengono determinate sostanze che non sono presenti nei prodotti di origine animale. Ad esempio, fibre alimentari o sostanze fitochimiche. Come suggerisce il nome, queste sostanze sono sintetizzate dalle piante, e oggi sappiamo che le sostanze fitochimiche, in particolare, hanno un effetto molto positivo sulla nostra salute

[Narratore] I cibi a base vegetale ci danno proteine ​​sufficienti e grassi sani; sono ricchi di carboidrati complessi, antiossidanti e anche alcune vitamine, oligoelementi ed enzimi. Gli alimenti a base vegetale contengono ciò di cui gli esseri umani hanno bisogno per una dieta sana. Il problema in generale è: con prodotti che sono dannosi per la nostra salute, per esempio carne, latte e uova, si guadagnano molti soldi. E naturalmente queste società e multinazionali vogliono realizzare un profitto. E vogliono vendere il maggior numero possibile di prodotti. D’altra parte, non esistono gruppi di interesse la cui priorità è quella di mantenere le persone in salute. Chi è interessato finanziariamente a mantenere le persone in buona salute? Nessuno. Il settore medico guadagna soldi trattando i pazienti. Le persone malate sono le uniche con cui l’industria medica può fare soldi. Anche l’industria farmaceutica fa soldi solo con i malati.

Abbiamo una grande, grande industria che ovviamente supporta l’industria del bestiame e l’industria delle uova e l’industria casearia. È proprio un’enorme, enorme industria. E sfortunatamente si sono infiltrati nella comunità accademica. Si sono infiltrati anche nel governo. E conosco entrambi, perché sono nel mondo accademico, questa è stata tutta la mia vita. Vedo quello che fanno, forse portano dei soldi per fare qualche ricerca. Inoltre, nell’area politica, ho trascorso circa 20 anni nello sviluppo della politica nazionale. Ero in gruppi di esperti per il governo. Stavamo facendo cose, abbiamo commissioni. Sfortunatamente, l’industria è così potente che in molti casi stanno controllando chi sarà nei comitati. Hanno troppi soldi per i politici. Tutto ciò può anche essere legale, ma non è giusto per il consumatore.

In realtà sono cresciuto mangiando secondo la dieta tipica e quando avevo circa 22 anni sono diventato vegetariano. Circa 5 anni dopo, quando avevo 27 anni, Sono passato a una dieta completamente vegetale. Sono ora passati 33 anni, ho 60 anni, ed è stato fantastico. Mi sento benissimo, ho un sacco di energia e non sono solo io. Persone che conosco da molto tempo con una dieta a base vegetale stanno benissimo.

La rivoluzione epocale nella salute non avverrà di certo inventando un’altra pillola o medicina. Non verrà dall’inventare un’altra procedura o un’altra operazione. Ma la svolta epocale nella salute può avvenire quando quelli tra noi, nella professione medica, saranno in grado di condividere con il pubblico qual è lo stile di vita che li protegge dalle malattie comuni e letali. E il modo in cui lo si fa, davvero, in cima alla lista, è spiegando l’alimentazione a base vegetale. “La Terra fornisce abbastanza per soddisfare i bisogni di ogni uomo, ma non l’avidità di ogni uomo.” Mahatma Gandhi – Sempre più persone stanno divorando sempre più animali perché sempre più persone possono permettersi la carne, e tra 20 anni ci saranno così tante persone e tanti animali sul pianeta Terra che non ci sarà abbastanza cibo Allora mangeremo il pianeta “nudo”.

[Narratore] La popolazione umana mondiale aumenterà fino a 9 miliardi entro il 2050. La popolazione mondiale del bestiame raddoppierà fino a 50 miliardi. Sta per diventare affollato. – È stato pubblicato nel Report sull’Agricoltura Globale che la nostra attuale forma di agricoltura sta distruggendo i nostri mezzi di sussistenza, sta distruggendo il terreno, sfruttando il pianeta. Mangiamo semplicemente troppa carne!

[Narratore] Il consumo crescente di carne accelera il cambiamento climatico e l’estinzione delle specie; danneggia il suolo, l’acqua e l’aria – e incentiva la fame nel mondo! Appetitose porzioni di carne confezionate sottovuoto non indicano nulla di tutto ciò. – La maggior parte del grano che viene coltivato sul pianeta non cresce per essere usato come cibo per gli esseri umani.

Stiamo coltivando cibo a sufficienza per sfamare tutti. Il problema è che stiamo usando gran parte di quel grano e dei legumi come la soia per sfamare gli animali mentre le persone stanno morendo di fame.

[Narratore] In tutto il mondo 1,8 miliardi di persone stanno morendo di fame. Ogni 6 secondi un bambino muore di malnutrizione, sono quasi 15.000 bambini al giorno! Un segno di povertà – non per i poveri, ma per i ricchi!

Solo il 2% della soia negli Stati Uniti è mangiato dagli umani. Circa il 70% è usato per nutrire gli animali, circa il 28% è usato per biocarburanti, diesel fatto con la soia. Quindi la carne soddisfa la fame di chi fa profitti, non la fame delle persone. Il mais: circa il 10% del mais nel mondo è mangiato dagli umani, la maggior parte serve alla TORTURA degli animali, e dico tortura, non come cibo per sfamarli, perché infatti gli animali non volevano certamente essere nutriti con il grano. Non è fatto per i loro apparati digestivi. Quindi stiamo parlando di un sistema che sta creando fame sul pianeta con il pretesto di nutrire le persone.

[Narratore] Attualmente, un seme di grano su tre, raccolto nel mondo è usato come mangime per animali. Tuttavia, le nazioni industrializzate non possono più produrre queste enormi quantità di foraggio da sole. Infatti, l’Europa importa già tre quarti dei suoi mangimi, compresi 35 milioni di tonnellate solo di soia – principalmente dal Sud America.

[Narratore] La terra utilizzata per coltivare questo mangime non consiste di campi vuoti ma di preziose foreste pluviali costretto a cedere alle monocolture delle multinazionali agricole.

Una delle cose davvero scioccanti su questo desiderio di sempre più persone di mangiare sempre più carne e mangiarla sempre più a buon mercato, è l’effetto terribile che sta avendo sull’ambiente: intere foreste distrutte per pascolare il bestiame o coltivare grano per nutrire il bestiame. Sta avendo un effetto scioccante sull’ambiente.

[Narratore] A causa di questa pratica, negli ultimi due decenni, circa il 20% delle più grandi foreste pluviali del mondo, nel bacino amazzonico, sono stati distrutti per sempre. A livello globale, la deforestazione distrugge irreversibilmente un’area delle dimensioni di un campo da calcio ogni due secondi.

[Narratore] E anche se le foreste pluviali tropicali sono tra i tesori più preziosi della Terra, in nessun altro luogo c’è una così ricca diversità di specie. Inoltre, queste foreste stabilizzano il clima del mondo come enormi serbatoi di anidride carbonica. Questo li rende più preziosi della carne! – Esistono statistiche sull’impatto climatico della carne. Ad esempio per 1 kg di manzo all’incirca Si producono 12/13 kg di CO2. Convertito in km: in un’auto economica posso guidare per circa 100 km, che corrisponde a 1 kg di manzo. Il pollame e il maiale sono quasi lo stesso. Circa 50 km corrispondono a 1 kg di maiale o pollame. Con le verdure si arriva a 600 g, che sono solo pochi km. C’è un enorme danno al clima causato dall’allevamento o dall’impatto del consumo di carne. Per aiutare il clima dovrei, ovviamente, guidare di meno, ma dovrei anche mangiare meno carne.

[Narratore] Tra gli effetti collaterali della carne e dell’industria casearia c’è la produzione di gas metano. È generato principalmente negli stomaci di ruminanti come il bestiame. Gli esperti stimano che il metano è 25 volte più dannoso per il clima rispetto alla CO2. Una preoccupazione ancora più grande del metano è il protossido di azoto, che è quasi 300 volte più dannoso per il clima rispetto alla CO2. Viene rilasciato attraverso l’uso di fertilizzanti sintetici. Questi e molti altri fattori rendono l’agricoltura animale un “catalizzatore” per i cambiamenti climatici. Ci sono sempre più notizie di una nuova siccità del secolo, o di una nuova alluvione del secolo, una nuova tempesta del secolo, o il progressivo scioglimento dei ghiacciai e dei poli. L’allevamento intensivo di animali non solo puzza fino al cielo, ma gli escrementi prodotti stanno anche inquinando il nostro terreno! Per ogni kg di carne prodotta, vengono generati circa sei kg di liquami. Tra l’altro, i liquami rilasciano ammoniaca, che avvelena l’aria circostante e provoca danni a lungo termine al suolo. Non solo, liquami e i suoi nitrati minacciano pure la nostra acqua potabile … di cui abbiamo bisogno in quantità smisurate per fare prodotti animali: … Per 1 kg di uova sono necessari 3.300 litri … … per 1 kg di carne di pollo: 3.900 litri … … per 1 kg di maiale: 4.800 litri … … per 1 kg di formaggio: clamorosi 5.000 litri … … e un massimo storico di 15.500 litri sono invece necessari per produrre 1 kg di manzo! La produzione di piante ha una storia molto migliore: Coltivare 1 kg di grano richiede 1.300 litri di acqua … un contadino ha bisogno solo di 900 litri per 1 kg di patate … … e 1 kg di mele richiede appena 700 litri di preziosa acqua .

L’intera industria della carne oggi è diventata uno scandalo sul pianeta. Non dovrebbe esistere nella forma in cui esiste. Costringere tutti a distruggere le risorse della terra è un crimine contro la terra ed è un crimine contro i nostri corpi, perché i nostri corpi non sono stati progettati per questo tipo di dieta Mettendo tutto insieme, questa è una ricetta per un disastro biologico, per un disastro della biodiversità, disastro idrico, disastro climatico, disastro sanitario.

Questa forma di agricoltura che ci siamo creati, fondamentalmente negli ultimi 50 anni, non può essere mantenuto in questa forma. Non può funzionare. Chiunque ha una mente per pensare, occhi per vedere e orecchie per ascoltare, lo sa bene. E ti chiedi: e allora perché non sta cambiando nulla?

Ci hanno fatto credere che le diete a base di carne sono superiori alle diete a base vegetale, una bugia che è stata esposta da esperti medici Ancora e ancora e ancora. Quindi cosa dobbiamo fare? Dobbiamo riportare la diversità nelle nostre fattorie, dobbiamo riportare l’armonia nelle nostre fattorie. Dobbiamo celebrare la diversità, dobbiamo lavorare con gli agricoltori, dobbiamo conoscere i nostri agricoltori. Dobbiamo iniziare a capire che il cibo è ciò che fa andare avanti il mondo, il cibo è l’energia del mondo! E dobbiamo sapere esattamente dove, in quella catena, siamo entrati, in modo da non fare più danni, …riduciamo il danno… E durante questo processo celebriamo: “Il cibo è vita e la vita è cibo”.

[Narratore] Attraverso il suo modo di vivere, la famiglia Langerhorst in Alta Austria, esemplifica la pratica dell’agricoltura senza monocolture e allevamento intensivo di animali. Ha gestito un’azienda agricola biologica vegana con coltura mista e permacultura per più di 40 anni. La famiglia coltiva verdure, frutta, bacche, e noci e evita i fertilizzanti animali e chimici, usando concime verde, compost vegetale, farina di roccia, terriccio e cenere di legno.

L’agricoltura basata sulle piante ci ha dimostrato che possiamo vivere molto bene da una piccola, piuttosto che da una grande fattoria. Coltiviamo solo 3,5 ettari ma come agricoltori a tempo pieno, e siamo molto grati che questo sia possibile e fattibile. Se vuoi mangiare in modo ecologico, ci si dovrebbe attenere al cibo a base vegetale e scegliere prodotti locali, stagionali e biologici. Ecco come funziona

[Narratore] La natura ci mostra come risolvere i nostri problemi: i nostri problemi personali e quelli che coinvolgono il mondo intero. Dobbiamo solo agire! – Se guardiamo alle possibilità secondo le possibilità umane, intelligenza umana, desiderio umano di un buon cibo decente – Penso che siano estremamente alte le probabilità che potremmo tutti vivere di una buona dieta sana, biologica, a base di piante.

“Fino a che non estende la sua cerchia di compassione a tutti gli esseri viventi, l’uomo non troverà pace. ”
– Albert Schweitzer

[Narratore] Amiamo la nozione di vita rurale romantica. Animali felici in un ambiente salubre, ben fornito da madre natura. È davvero piuttosto allettante mettere questa carne nel piatto. Ma affrontiamo la realtà!

Ai vecchi tempi un contadino aveva 10 capi di bestiame, oggi ne hanno centinaia o migliaia. Ciò significa che non c’è più una connessione con l’animale, in realtà non è altro che una merce.

[Narratore] Oggi la carne è meno cara che mai un prodotto economico Circa il 98% proviene da allevamenti industriali, dove le condizioni sono oltre ogni immaginazione. Raramente in passato il termine “industria” è stato colpito da un disprezzo per la vita come oggi.

Nell’industria di allevamento intensivo degli animali gli animali non sono più visti come individui, ma come meri beni di produzione, come barattoli di latta, parti di ricambio, o semplicemente come cose da usare con l’obiettivo di raggiungere il massimo profitto economico possibile.

[Narratore] I polli sono, per natura, animali sociali, curiosi e intelligenti. Ma nello spietata allevamento intensivo le loro vite sono ridotte a una – breve e triste – agonia. I pulcini non si schiudono nel nido materno ma nell’incubatrice. Non appena si reggono in piedi, vengono ordinati, vaccinati, caricati e mandati in enormi mangiatoie. In queste prigioni animali, raggiungono il peso per la macellazione in tempo record, senza mai vedere la luce del giorno e in condizioni di estremo affollamento. La normale aspettativa di vita di un pollo arriva fino a 20 anni. I polli da carne vivono solo fino a 42 giorni. Durante questa breve durata devono guadagnare circa 2 kg – nessun organismo può resistere a una crescita così brutalmente rapida.

Gli uccelli ingrassano così velocemente, che i loro scheletri non riescono a svilupparsi con altrettanta velocità e le galline, così come i tacchini, finiscono per rimanere sdraiati sul loro petto perché le loro gambe non sopportano più il peso crescente.

[Narratore] Alcuni animali non sopravvivono questa crescita anormale. Non riescono a trascinarsi verso il mangime e gli abbeveratoi. Altri muoiono di malattie cardiovascolari indotte dall’allevamento, soccombono allo stress o cadono vittime del cannibalismo. Tutti questi sono fatti di cui si è spesso non consapevoli quando si mangia carne e che la lobby della carne è felice di tenere ben nascosti. Questa è una scrofa. Questo animale estremamente intelligente e sensibile passa la maggior parte della sua vita in gabbie, in celle quasi più grandi di loro. Invece di paglia, giacciono sul cemento nudo. – Il movimento è così limitato nelle cosiddette gabbie che possono spostarsi solo da 20 a 30 cm in avanti e da 30 a 40 cm all’indietro. Possono sdraiarsi, ma non possono girarsi. Le scrofe nella moderna suinicoltura intensiva non sono in un “paradiso del maiale”, questo è sicuro.

[Narratore] In natura le scrofe costruiscono nidi grandi e morbidi per la loro prole. Negli allevamenti intensivi, tuttavia, questo non è possibile. Le scrofe partoriscono in “gabbie di gestazione”, rinchiuse, non sono nemmeno in grado di proteggere né prendersi cura dei piccoli. Non molto tempo dopo la nascita, le code dei maialini vengono tagliate come precauzione contro il cannibalismo. Inoltre, i maialini maschi sono castrati strappando loro i testicoli. Tutto senza sollievo dal dolore perché il dolore di un oggetto non ha importanza! Molti animali nascono deboli, portatori di handicap o malati. Non è “economico” tenerli in vita. Il loro destino: una morte indegna e fredda. Nell’angosciosa mancanza di spazio le madri, essendo immobilizzate, a volte schiacciano i loro stessi piccoli. All’età di tre settimane i maialini sono separati dalla loro madre. Ciò che segue ora è: allevamento e ingrasso. Sebbene i maiali possano vivere fino a 25 anni, vengono macellati da piccoli – a soli 6 mesi. Trascorrono le loro brevi vite in spazi ristretti. Le norme UE richiedono un’area minima di soli 0,75 metri quadrati per un maiale fino a 110 kg. Un 10% degli animali non sopravvive a queste condizioni. Nonostante questo, solo poche persone sono disposte fare a meno di una braciola di maiale o di una cotoletta. E ai bovini non va meglio. Molti animali passano la vita in stalle strette. I fortunati in box aperti; molti, tuttavia, vegetano incatenati. Un passo in avanti, un passo indietro. Questa è tutta la libertà di movimento che hanno. Un’aspettativa di vita di 30 anni? Questo è qualcosa che i bovini dell’età industriale possono solo sognare. – In questi giorni ci sono enormi, enormi mandrie, e continuano a crescere. Nessuno se ne accorge più se una mucca è malata, di solito, solo il robot del latte lo fa, rileva che la produzione di latte è diminuita, oppure l’altra macchina si accorge che il cibo non è stato mangiato. E questo è l’unico modo in cui viene registrato se uno o più animali sono malati.

[Narratore] Le infezioni sono uno dei maggiori problemi negli allevamenti intensivi. Le condizioni di affollamento promuovono la rapida diffusione di batteri. Sovrallevamento, mancanza di igiene e ignorare bisogni naturali, pesano enormemente sulla salute degli animali. L’unico antidoto che il produttore di carne industriale conosce è la massiccia somministrazione di farmaci. Fino a tre quarti di tutti gli antibiotici finiscono negli allevamenti industriali!

Il sistema di allevamento industriale è così malato che ha bisogno di antibiotici. Se togli gli antibiotici, masse di animali si ammalerebbero e morirebbero. Quindi, l’intero sistema è di per sé completamente malato.

[Narratore] L’uso abituale e inappropriato di antibiotici negli allevamenti industriali presenta un grande rischio per la salute, e non solo per gli animali, perché sempre più ceppi batterici stanno diventando resistenti, il che rende gli antibiotici inefficaci. Se questi batteri resistenti agli anticorpi infettano gli umani, anche noi ci ammaliamo. Ma spesso i farmaci non funzionano più.

[Narratore] Globalmente, più di 700.000 persone muoiono per infezioni, perché i batteri che hanno consumato sono diventati resistenti agli antibiotici. Ma gli animali non sono colpiti solo fisicamente. L’allevamento industriale li danneggia a tutti i livelli. – Fin dall’inizio del genere umano, la crudeltà verso gli animali non è mai stata così diffusa come lo è ai nostri giorni. Questo vale sia per quantità che per intensità.

Una volta che ho visto dei maiali in uno di questi allevamenti intensivi, ero così scioccata. Per me è incredibile che le persone possano trattare gli animali come se fossero solo cose …senza sentimenti. E così tante persone mi dicono, ma vengono allevati per mangiare, quindi va bene. Ma no, non va bene.

Ci sono un sacco di abusi sugli animali nella ricerca, nell’educazione, nei circhi, nei rodei, nei giardini zoologici, ma l’allevamento industriale è il peggiore. Se sommiamo tutto, il dolore che causiamo agli animali nella preparazione di alimenti industriali è molto più grande di tutto il dolore causato in tutti gli altri posti, combinati. Quindi è veramente il peggiore. Fa emergere il peggio negli esseri umani e fa soffrire gli animali profondamente. Non solo soffrono il loro stesso dolore, ma percepiscono anche il dolore degli altri animali in questi orribili allevamenti.

[Narratore] Il consumo di carne non solo promuove la sofferenza degli animali ma anche la nostra crescente domanda di latte. Le mucche sono costrette a produrre sempre di più: Negli anni ’60 una mucca produceva una media annuale di 1.500 litri di latte, oggi tale quota è salita a 10.000 e oltre!

Harold Brown (ex allevatore e produttore di latte) – Ho parecchi amici vegetariani che consumano prodotti lattiero-caseari e credono a questa falsa idea che i latticini sono un prodotto animale benigno, che non c’è nessun danno collegato al latte perché si immaginano: “Una volta che una mucca inizia a dare il latte, dà solo il latte”. E non si rendono conto che le mucche non possono fornire una quantità adeguata di latte per la produzione, a meno che non sia incinta. E le mucche hanno lo stesso periodo di gestazione degli esseri umani – 9 mesi. Sono incinte di 9 mesi e partoriscono. Ed entro 24 ore, massimo 72, portano via il vitello dalla mucca, perché il latte serve per la produzione. Capisci, è un’attività atroce, Voglio dire, c’è più sofferenza in un bicchiere di latte di quello che puoi trovare in qualsiasi cosa. I vitelli grideranno e grideranno, e le mucche semplicemente li cercheranno.

[Narratore] Le mucche piangeranno spesso i loro piccoli per giorni o settimane.

Alle mucche mancano i loro piccoli e ai vitelli mancano le loro madri. È davvero una cosa straziante da guardare.

[Narratore] Negli allevamenti intensivi, i vitelli nascono costantemente. Ma non sono di alcuna “utilità” e sono presto usati per altri “scopi”. – Diciamo che una mucca ha 4 anni – e avrà 4 vitelli. Solo una roulette genetica: 2 sono maschi e 2 sono femmine … i 2 maschi non hanno alcuna utilità nell’industria casearia, andranno all’asta entro un giorno, a due o tre giorni dopo la nascita, avrai solo bisogno di 1 femmina per sostituire la madre, quindi 3 su 4 vitelli vanno al macello … appena sono nati.

Sappiamo bene dentro di noi, che fare del male alle madri che stanno solo partorendo e allattando quei piccoli e nutrendoli è qualcosa che va contro la nostra stessa compassione e umanità. E quindi, quando stiamo mangiando cibi animali, mangiando latticini, questo è esattamente quello che stiamo facendo: stiamo pagando persone per ingravidare animali, rubare i loro piccoli, il loro latte e poi ucciderli.

Dico sempre alle persone, specialmente alle donne: Immagina di essere incinta, hai il seno pronto per dare il latte e qualcuno ti porta via il tuo bambino e poi un altro animale arriva e si prende il tuo latte. Per gli esseri umani è quasi impossibile da immaginare, ma è quello che passano molti animali. Alcune persone pensano che il latte di capra sia migliore del latte vaccino… beh, anche la capra è un essere vivente anche la capra produce latte ma non destinato al consumo umano, ma per il consumo di un piccolo capretto. Ed è a questo che dovrebbe andare il latte.

Le persone si chiedono se gli animali, compresi animali da allevamento, hanno vite emotive. E la scienza ce lo conferma. Se le persone leggessero e capissero quello che Charles Darwin ha detto sull’evoluzione… …ha detto che le differenze tra le specie sono sfumature di grigio, non bianco e nero. Quindi, se noi abbiamo qualcosa, allora ce l’hanno anche loro, sono altri animali. Quindi la scienza ci dice che molti animali, compresi gli animali da allevamento, hanno vite emotive molto ricche e profonde

Il punto è che, questi animali da allevamento, quando li conosci come individui, sono semplicemente meravigliosi, voglio dire che non c’è niente come sentire il nitrito di un cavallo, quando arrivi ed è contento di vederti. E le mucche che ruminano e il dolce respiro che hanno fuori nel campo. I maiali… i maialini sono intelligenti come i cani e più intelligenti della maggior parte. Quando ero una bambina, Volevo avere un piccolo gruppo di maiali e addestrarli e andare in un circo. Va bene… ora lo so che il circo è terribile, ma quando ero una bambina…capisci i maiali sono fantastici, semplicemente incredibili.

Le persone vogliono pensare che le mucche siano stupide, che sono tonte, che sono lente e che tutto ciò che fanno è mangiare erba. No… hanno una comunità, hanno strutture sociali, si accudiscono a vicenda piangono la perdita dei propri cari. Sono una comunità proprio come qualsiasi comunità umana. Hanno solo un aspetto diverso… capisci… tutto qui. Questa è l’unica differenza. Hanno solo un aspetto diverso Non parliamo la loro lingua… tutto qui

Sappiamo ad esempio che i polli mostrano empatia, percepiscono il dolore degli altri polli. Sappiamo che mucche e maiali sono molto intelligenti, sentono la mancanza dell’altro, adorano stare vicino agli amici. Le mucche e i maiali sono estremamente intelligenti, possono imparare compiti molto complessi. Quindi, mi piace dire che gli animali che mangiamo sono molto intelligenti e sono molto emotivi. Non sono “cosa” mangiamo. Quindi, se c’è un animale su un piatto o all’estremità di una forchetta, è “CHI c’è per cena?”, non “cosa c’è per cena?”. Perché quando usiamo “CHI”, ci riferiamo ad un animale che ha una vita interiore molto forte e una vita soggettiva. Quindi per esempio quando maiali e mucche e cani e gatti e lupi giocano, è molto chiaro che si divertono e sentono la felicità, si sentono molto allegre, provano molto piacere.

Gli animali sono creature, gli animali sono esseri viventi con sentimenti. Possono farti capire quando stanno bene. Posso dirlo guardandoli, e dico: “Guardate bambini, gli animali sono capaci di ridere quando sono felici. E gli animali possono farti capire il loro dolore quando li trattiamo male”.

Josef Walchshofer (ex macellaio) – Austria – Nessun animale sale volontariamente sul camion. In tutto il tempo in cui ero un macellaio non è mai successo. Quindi, abbiamo sempre guidato il bestiame, con la forza, fuori dal capannone, con la forza, sul camion. Poi l’abbiamo portato dal macellaio o in macelleria, e devi immaginare… quelli sono camion con (al giorno d’oggi) fino a 100 capi nelle condizioni più anguste. Una situazione di stress, di paura. Si vede che gli animali iniziano a tremare o che i loro occhi sono così semplicemente spaventati.

Hubert Liebertz (ex macellaio) – Germania – pungoli elettrici per bestiame, dispositivi per elettroshock, bastoni; i maiali vengono trascinati via dalle loro orecchie, i tori vengono calciati nelle palle per farli andare, le mucche sono prese a calci nelle loro mammelle, e l’anello nel naso nei tori – se ne hanno uno – con tori pesanti, lo torcono e girano loro il naso di quasi 180 gradi, per farli andare. E tutto ciò comporta dolore, non è senza dolore. Dolore intenso – Non puoi farlo in altro modo, semplicemente non è possibile. Non puoi pensare di avere innumerevoli animali e che li convincerai gentilmente a salire sul camion o fino al banco di macellazione. Non funziona. È sempre brutale. È sempre brutale!

[Narratore] Tutti sono consapevoli che gli animali devono morire se vogliamo mangiare carne Ma pochissimi vogliono sapere cosa (in realtà) succede in un macello. I macelli hanno le loro ragioni per non accogliere visitatori. Nei grandi macelli industriali i maiali sono spesso storditi da una macchina. Una scarica elettrica innesca una specie di attacco epilettico. Questo porta ad uno stato d’incoscienza. In attività più piccole, lo stordimento tramite corrente elettrica è generalmente fatto a mano, prima degli animali vengano sospesi da un nastro trasportatore e le loro gole tagliate.

La macellazione del maiale di per sé è così difficile anche per le persone perché gli animali gridano. Gridano interminabilmente. Ero solito dire che era come se gridassero dei bambini. Perché i bambini gridano? Perché hanno paura. Con gli animali, non è diverso. Nelle grandi fabbriche di carne le camere a gas sono una pratica standard. I maiali vengono radunati in una gondola e calati in una camera dove vengono gassati con una miscela di anidride carbonica e aria, lasciandoli privi di sensi.

Lo stordimento con CO2 è una procedura relativamente economica. Il vantaggio è, così come con altri metodi di stordimento con gas, che diversi animali possono essere storditi contemporaneamente, non devi separare il gruppo. Il chiaro svantaggio dello stordimento di CO2, tuttavia, è che gli animali… …soffrono di soffocamento per un periodo abbastanza lungo di 15-20 secondi. Hanno la netta sensazione di non riuscire a respirare. Gli animali spesso vanno verso l’alto, li senti urlare.

[Narratore] Una volta che sono stati storditi, la gola del maiale deve essere rapidamente e correttamente tagliata, altrimenti gli animali si svegliano e finiscono nel calderone dell’acqua bollente completamente coscienti. Questo non è un evento raro poiché l’intero processo avviene così rapidamente.

Per quanto riguarda il problema della velocità di macellazione, si deve notare che, ad un ritmo di 750 maiali all’ora la persona che accoltella i maiali, il cosiddetto “accoltellatore”, ha in pratica esattamente 5 secondi per infilare questo coltello nel collo dell’animale. In quel momento deve afferrare il maiale, tiralo in posizione da una zampa anteriore, deve tirare fuori il coltello dal supporto, e a quel punto i 5 secondi sono quasi scaduti. Ciò significa che non ha possibilità di correggere una pugnalata mal piazzata, se pensa di non recidere i maggiori vasi sanguigni o se ha mancato alcuni dei principali vasi. Ciò significa che è sicuramente un problema in termini di efficacia del sanguinamento.

Ho visto spesso animali non venire storditi correttamente. Maiali che fuggono dalla vasca di acqua bollente o che saltano, cercando di uscire, dove il macellaio è dovuto andare ad usare una verga di ferro per colpirlo di nuovo. Questa è in realtà una routine, è assolutamente normale.

[Narratore] Tutti i maiali possono affrontare questo destino E gli animali provenienti da allevamenti biologici non fanno eccezione! Una volta tagliato a pezzi, l’animale ha finalmente sofferto tutta l’agonia che l’industria ha da offrire. I polli vengono elaborati in modo completamente automatico e ad alta velocità: In media 10.000 animali all’ora possono essere storditi, uccisi, puliti e tagliati a pezzi in un macello moderno. Il più grande macello di pollame d’Europa si trova in Germania. Può gestire fino a 27.000 animali all’ora. Che sono 432.000 polli al giorno! Il massacro del bestiame inizia con un dispositivo da stordimento, che è stata una procedura standard per decenni. Gli animali sono guidati lungo uno scivolo in un box stretto. Non tutti gli animali vanno verso la morte volontariamente.

In questa trappola, gli animali vengono sparati con una cosiddetta pistola di stordimento. Un bullone penetra nel cranio e distrugge parzialmente il cervello. Gli animali di solito collassano immediatamente e sono privi di sensi in frazioni di secondo. I problemi possono sorgere quando il colpo manca il bersaglio, quando lo storditore non è posizionato correttamente, o l’animale muove la testa all’ultimo momento, questi sono i cosiddetti colpi mancati, gli animali sono solo leggermente storditi o per niente. In termini di benessere degli animali questo è fondamentale perché il secondo colpo, che è inevitabile, di solito nemmeno funziona perché il cranio è già aperto quindi ora la pressione intracranica del primo colpo non può essere riprodotta, e posso davvero avere difficoltà nel stordire efficacemente l’animale.

Perché l’umanità, il consumatore, deve essere protetto dai macelli? Se è davvero giusto, allora perché? I caseifici non ti fanno distogliere lo sguardo. Anche le pasticcerie per dimostrazioni sono comuni. Ma non c’è un solo macello per dimostrazioni nel paese. Gli spettatori probabilmente creperebbero a decine. Perché è così brutale. Perché è solo pura violenza. Con il bestiame, il tasso di mancato stordimento può raggiungere il 9%, con i suini fino al 12,5%. Alla fine raggiungi il tuo limite. O continui o ti fermi. Dovevamo massacrare i vitelli, e il vitello si era già appiccicato alla porta. Dovevo sparargli e poi … … una lacrima rotolò fuori dai suoi occhi, e allora ho sparato in aria, e ho detto basta, sono andato dal mio capo, gli ho consegnato la pistola e gli ho detto che avevo finito e di mandarmi i miei documenti.

Non ero altro che il killer incaricato, il mercenario per tutte le persone che volevano mangiare carne. Ho preso soldi e in cambio ho ucciso l’animale. E quando me ne sono reso conto, ho smesso. In tutto il mondo vengono macellati 65 miliardi di animali ogni anno. che corrisponde a più di 2.000 animali al secondo.

[Narratore] Gli umani sono creature con molte contraddizioni. Ciò che è particolarmente paradossale è il nostro rapporto con gli animali. Possiamo adorare un animale domestico e allo stesso tempo lasciamo che altri animali vengano uccisi senza la minima compassione. La dottoressa Melanie Joy chiama questo fenomeno “carnismo”.

Il carnismo ci insegna a posizionare gli animali in categorie nelle nostre menti. Alcuni animali che amiamo – cani e gatti sono i nostri compagni, i nostri familiari, i nostri amici per esempio – altri animali… li mangiamo. Il carnismo ci insegna a vedere gli animali come oggetti. Quindi impariamo a riferirci al tacchino nel nostro piatto come “qualcosa” piuttosto che “qualcuno”. E il carnismo ci insegna a vedere gli animali come astrazioni, come prive di ogni individualità o personalità. E invece semplicemente come membri astratti di un gruppo su cui abbiamo fatto ipotesi generalizzate. Un maiale è un maiale e tutti i maiali sono uguali. Il Carnismo, dice il Dr. Joy, è un sistema di credenze destinato a impedirci di riconoscere la violenza e la crudeltà del sistema che sta dietro al mangiare animali. Sopprimiamo e neghiamo, ignoriamo la nostra testa e il nostro cuore quando si tratta di animali che classifichiamo come commestibili.

Scegliere un animale da mangiare e un animale da diventare domestico la gente lo chiama specismo – è proprio come – alcuni lo chiamano specismo – è proprio … una specie di razzismo, è una specie di favoritismo è un po’ come seguire una particolare cultura. Ora… quello che dobbiamo fare è costruire una cultura e tradizioni basate sulla compassione.

La più alta forma di vita, il valore più alto, è la compassione. E quando c’è compassione, massimizziamo il benessere. Dopo tutto, la parola ricchezza deriva dal benessere. Non significava soldi nelle mani di pochi, significava benessere condiviso attraverso lo spettro della vita.

Penso che una volta che noi umani ammettiamo di non essere gli unici esseri dotati di personalità, menti e sentimenti, una volta che ci rendiamo conto di essere parte del regno animale, allora diventa tanto importante come trattiamo gli animali, tutti gli animali, quanto come trattiamo l’un l’altro. E così solo quando mostriamo rispetto, considerazione e preoccupazione per altri esseri viventi, possiamo immaginare un mondo che è più pacifico di quello di oggi.

Siamo ad una soglia dove in tutto il mondo le persone cercano la liberazione della vita, da questa strangolazione dell’oggettificazione, la visione che la terra è materia morta, e i nostri esseri sono solo oggetti. Dobbiamo rialzarci in una soggettività, una soggettività interconnessa, dove nessuna vita è meno importante di qualsiasi altra vita. E gli esseri umani non sono assolutamente gli imperatori sul resto della vita. Siamo solo un filamento nella rete della vita.

Penso che la ragione per cui così tante persone non cambiano il loro comportamento è perché pensano: “a che servirebbe?” Sono solo una persona. Quindi quello che faccio in realtà non può fare alcuna differenza Né farebbe differenza se fosse solo uno. Ma sempre più persone stanno arrivando a capire quali sono i problemi e cosa dovrebbero fare.

Mai pensare che una persona non possa fare la differenza. Tendiamo a concentrare le nostre energie sulla ricerca di leader, come Martin Luther King o Mahatma Gandhi, ma erano solo una persona. Non si sono stabiliti nella vita per essere leader ed erano persone molto umili. Sono solo le circostanze nella storia che li hanno messi in primo piano. Ma se stiamo cercando leader, tutto ciò che dobbiamo fare è tornare a casa e guardarci allo specchio. Perché ognuno di noi può fare la differenza. E la facciamo. Basta prendere la decisione consapevole che faremo la differenza nelle nostre vite. Non siamo su questo pianeta per molto tempo, quindi dobbiamo fare ciò che possiamo nel tempo che abbiamo avuto per fare la differenza.

Prof. Dott. Claus Leitzmann (nutrizionista e Biochimico) – Germania – Per me era sempre importante sottolineare che noi, da adulti, siamo tutti modelli di comportamento. Non abbiamo alcun controllo su questa funzione. Non possiamo dire… non voglio essere un esempio da seguire. Invece, siamo presi come esempi seguire, sia dai bambini, sia dai parenti, dai colleghi o dagli amici. E credo che il fatto che siamo presi come esempi da seguire dovrebbero motivarci a comportarci come tali.

Ognuno di noi può fare la differenza, ognuno di noi mangia almeno due o tre volte al giorno. E ogni atto di consumo consapevole, di sapere quali sono le conseguenze di ciò che stai mangiando, sapendo cosa stai mangiando, è un’azione che contribuisce a cambiare il mondo.

Penso che il messaggio più importante che ho, è di ricordarti che TU, ed è a te che sto parlando, che guardi questo film, …tu fai la differenza! Tu come individuo, fai la differenza … Quello che fai ogni giorno in realtà ha un impatto su ciò che sta succedendo nel mondo ogni giorno. Quindi… la tua vita conta, tu sei importante e quindi usa saggiamente la tua vita.

RELATED POSTS