2001: A SPACE ODYSSEY: LOST IN THE STARS – Review by Stanley Kauffmann

2018-02-08T09:11:37-08:00 February 8th, 2018|Categories: CINEMA|Tags: , , , |

Stanley Kubrick’s 2001: A Space Odyssey took five years and $10 million to make, and it’s easy to see where the time and the money have gone. It’s less easy to understand how, for five years, Kubrick managed to concentrate on his ingenuity and ignore his talent.

2001: FUORI NELLO SPAZIO MA DENTRO LA VITA

2017-06-02T16:49:18-07:00 June 2nd, 2017|Categories: CINEMA|Tags: , , , , |

2001: IL FILM DI STANLEY KUBRICK Il viaggio interplanetario è un viaggio biologico di Lino Curci Sono giorni di scienza, non di fantascienza. Per la prima volta, con l’«Apollo 8», ritorno ha varcato il confine che separa il campo gravitazionale della Terra dalla zona in cui agiscono le forze dì [...]

2001: ODISSEA NELLO SPAZIO – Recensione di Giovanni Grazzini

2016-12-05T16:43:22-08:00 December 5th, 2016|Categories: CINEMA|Tags: , , , , , , , |

Non siamo soli nell'universo. Per convincercene, e umiliare il nostro orgoglio, Stanley Kubrick ha scritto e diretto il più clamoroso e agghiacciante film di fantascienza, o come lui dice, di "prescienza", che sinora sia apparso sugli schermi del sistema solare.

IL SETTECENTO DI BARRY LYNDON E DI 2001: ODISSEA NELLO SPAZIO

2016-11-20T16:14:08-08:00 November 20th, 2016|Categories: CINEMA|Tags: , , , , |

Avvisaglie della fine impossibile di Francesco Cattaneo «...è l'individuo tale quale, elementare e tortuoso, vomitato dal Caos in piena Versailles". E.M. Cioran (1). «La luce è tenebra quando è solo luce» Franco Rella (2). Una delle immagini più vulgate del Settecento è sine dubio quella afferente alla formula kantiana secondo [...]

2001: ODISSEA NELLO SPAZIO: Recensione di Fernaldo di Giammatteo

2016-11-20T12:55:40-08:00 November 20th, 2016|Categories: CINEMA|Tags: , , , , , |

Il caso di 2001: A Space Odyssey, film di enorme successo e di enorme sfortuna, è uno dei più clamorosi. Tanti furono i sofismi che ne accolsero l’uscita da indurre lo stesso Stanley Kubrick a fornire, un poco infastidito, la sua semplice spiegazione