Home COMEDY GEORGE CARLIN: IT’S BAD FOR YA! (2008) – Testo italiano completo

GEORGE CARLIN: IT’S BAD FOR YA! (2008) – Testo italiano completo

SHARE
George Carlin - It's bad for ya

Grazie, grazie, grazie! Mi piacerebbe iniziare… Mi piacerebbe… grazie, grazie! Mi piacerebbe iniziare dicendo: affanculo Lance Armstrong! Affanculo lui e le sue palle e le sue biciclette e i suoi steroidi e le sue maglie gialle… …e la stupida espressione vuota sul suo volto, sono stanco di quello stronzo. E già che ci siamo, affanculo anche Tiger Woods! Un’altra mezza sega di cui posso fare a meno. Sono stanco di sentirmi dire chi devo ammirare in questo paese, non siete stanchi di farvi dire chi dovrebbero essere i vostri eroi? Farvi dire chi dovete rispettare? Mi scelgo da solo i miei eroi, grazie mille. E affanculo anche Dr. Phil! (Nota: Dr. Phil è uno psicologo televisivo) Dr. Phil ha detto che dovrei esprimere le mie emozioni, ed è quello che sto facendo. Ora, dall’ultima volta che sono passato da queste parti… …e ci capito con una certa frequenza, sono un po’ come l’herpes, ogni tanto ritorno, ma dall’ultima volta che potrei aver visto qualcuno di voi… …ho compiuto il mio settantesimo compleanno. Grazie. Sì, adesso ho 70 anni, e mi piace il 70. Anche se non mi piace quanto il 69. Be’, 69 è stato sempre il mio numero preferito. Ora credo di essere un 69 con un dito su per il culo. Ma adesso che sono un vecchio stronzo… E questo è quello che mi considero: un vecchio stronzo. “Vecchio stronzo” è un termine molto particolare, non è come “anziano”. “Anziano” è diverso. “Anziano” non è davvero un tempo della tua vita o un periodo di anni: è un atteggiamento, “anziano” è un punto di vista, è un modo di vedere le cose. Alcuni sono anziani quando hanno vent’anni. Ne avete conosciuti di tipi così, sono proprio tesi, come degli anziani. Non io, non sono un anziano… …e non sono un vecchio scoreggione, perché un vecchio scoreggione è tipo… Quello che sono è un vecchio stronzo! È qualcosa di simile a un grasso stronzo… Sapete cosa intendo? Grasso stronzo, alto stronzo, magro stronzo, basso stronzo. Vecchio stronzo… “Chi è il vecchio stronzo?” “È Georgie, Georgie è il vecchio stronzo”. Da questo punto di vista, stronzo è un sinonimo della parola “compagno”. Ma ora che sono un vecchio stronzo comincio a notare… …che ci sono dei vantaggi ad aver messo su un po’ di anni… …e il primo è che non devi mai più trasportare niente di pesante. Tutti vogliono aiutare un vecchio stronzo! Se hai una grossa valigia o qualcosa del genere, sapete, fate un po’ così, dite “Ehi, puoi aiutarmi con questo?”, dice “Sì, dove sta andando?” “Indianapolis”… Vogliono aiutarvi? Cazzi loro, metteteli a lavorare. Approfittatevi della gente. Un altro vantaggio del diventare vecchi è che puoi lasciare qualunque evento sociale in anticipo… …solo dicendo che sei stanco. Funziona alla grande con i membri della famiglia. Basta girarsi verso la persona accanto e dire “Gesù, come sono stanco!”. “Oh, sei stanco? Andiamo, il nonno è stanco, il nonno va a letto”. E un altro fa: “Ma sono le 7:30 del mattino!” C’è sempre una testa di cazzo in famiglia. Ma la cosa migliore del diventare vecchi è… …che non sei più responsabile di ricordarti le cose! Anche le cose importanti! “Ma era il funerale di tua figlia!” “L’ho dimenticato!” Puoi anche far credere di avere il morbo di Alzheimer. È divertentissimo! Guardi intorno al tavolo della sala da pranzo e dici “Chi siete voi, e dov’è il mio cavallo?” Poi guardi il tuo figlio maggiore e dici “Santo cielo, non ti vedevo dalla tua prima comunione!”. Li fa uscire pazzi… Li fa uscire pazzi, non sanno come comportarsi. Ci mettono una settimana a superare questa merda… …e cominciano ad ascoltarti più attentamente, da lì in poi. Quindi non abbiate paura di invecchiare, è un bel periodo della vita… Riesci ad approfittarti della gente e non sei responsabile di niente. Puoi anche cacarti addosso! Se lo aspettano. Non ci ho ancora provato… …ma non lo escluderei! Tengo aperte tutte le opzioni. Tutto è sul tavolo… Forse non è la figura retorica che volevo, in questo caso… Quindi, sapete cosa faccio ultimamente? Scorro la mia rubrica e faccio una croce sulle persone morte. Voi lo fate? È molto divertente, vero? Vi dà una bella sensazione, è come se vi desse un senso di potere. Una superiorità, per essere sopravvissuto a un altro vecchio amico. Ma non puoi farlo troppo presto, sapete? Non puoi farlo troppo presto. Non puoi tornare di corsa a casa da un funerale e tirare fuori la rubrica, sapete… Non lo potete fare, deve passare un po’ di tempo, dovete far trascorrere un po’ di tempo. Io ho una regola di… ehm… sei settimane. Se sei amico mio e sei nella mia rubrica e muori… …ti lascio in pace per altre sei settimane. Sei settimane extra nella rubrica, offre la casa, pago io. Ma dopo, ehi, i fatti sono i fatti, vaffanculo, sei morto! Te ne vai, cazzo! Bisogna avere dei criteri, sapete? Oggigiorno molta gente non tiene più rubriche tradizionali, non vogliono più scrivere quella roba a mano. Sono nell’era dei computer… …e hanno un’applicazione nel computer chiamata Outlook, o Contatti, o Rubrica, cose simili, così tengono tutte le informazioni nel computer… …e le sincronizzano con il loro telefono ogni giorno o due. Così adesso, invece di cancellare un nome, puoi anche ELIMINARE lo stronzo. Ed eliminare qualcuno è una sensazione ancora più potente… …di cancellare semplicemente un nome. Sapete come si elimina qualcuno: si seleziona il nome… …si mette in evidenza la persona… …e poi… Dritto nel cestino! Ora, se è un amico davvero intimo, potresti non voler svuotare il cestino per circa sei settimane. Oppure… Oppure, se è un po’ troppo duro per te, un po’ troppo duro eliminare un vecchio amico, puoi sempre creare una nuova cartella. Una cartella speciale per la gente morta. La tieni sul desktop… …è una specie di Purgatorio digitale! E… e la cosa bella è che ogni tanto la puoi aprire e guardarci dentro, e puoi vedere la gente nel Purgatorio, e la puoi spostare da una parte all’altra, sapete, spostarla da una parte all’altra. Metterle in piccoli gruppi. Due persone che non andavano d’accordo in vita? Mettile in un angolo, lascia che si chiariscano, lascia che si chiariscano in Purgatorio. O che si mettano a litigare a litigare di brutto in Purgatorio, questo è divertente… Nessuno di farà male, sono tutti fottutamente morti comunque! Quindi li metti in una grande formazione e fai un corteo! Il corteo purgatoriale delle persone morte! Ah, quanto ci si può divertire con un computer! Quindi, divertitevi digitalmente.
Ora, parlando di persone morte… Ci sono cose che diciamo quando muore qualcuno… quasi tutti le diciamo, siamo molti a farlo… Cose che diciamo su cui nessuno mai riflette. Passano via inosservate. Vi faccio un paio di esempi… Dopo che qualcuno è morto, la seguente conversazione avrà sicuramente luogo, probabilmente più di una volta. Due tizi si incontrano per strada… “Ehi, hai sentito? Phil Davies è morto!” “Phil Davies? L’ho visto soltanto ieri!” “Sì? Non gli è stato di aiuto… È morto comunque. A quanto pare, il tuo semplice atto di vederlo non ha rallentato il suo cancro. Anzi, potrebbe averlo reso più aggressivo! Sai, potresti essere responsabile della morte di Phil. Come fai a guardarti allo specchio?” Ecco un’altra cosa che dicono dopo una morte, questo viene di solito detto alla vedova: “Ascolta, se c’è qualcosa che posso fare… …qualunque cosa… …ti prego di non esitare a chiedere.” “Cos’hai intenzione di fare, una resurrezione? Questo non è il fottuto Nuovo Testamento, sai?” Sai cosa si dice a uno così, che vuole aiutare? “Bene, perché non passi questo fine settimana? Potresti ridipingere il garage! Portati lo sturacessi, la tazza di sopra si è intasata e c’è merda su tutto il pavimento lassù… Guidi un trattore? Bene, tornerà utile, nel podere c’è un sacco di lavoro da fare. Porta la tua motosega e il tuo piccone, ti faremo fare un mazzo così. Vuole aiutare? Cazzi suoi, fagli mettere le carte in tavola! Fagli mettere le carte in tavola! “Non esitare a chiedere”, che faccia tosta hanno questi cazzoni! Ecco un’altra cosa che diciamo alla vedova: “Lui è sempre nei miei pensieri…” “Dove? Dove si colloca esattamente nei tuoi pensieri? Fra ‘Mi fa male il culo su questa sedia’ e ‘Mi scoperei la cameriera’? Quali sono le tue priorità?” Usiamo un sacco di eufemismi quando parliamo della morte, sapete? La gente dice cose come: “Sai, ho perso mio padre”. “Ah, salterà fuori!” Bisogna restare ottimisti con gente così. Dargli motivo di sperare. “Hai controllato nel cassonetto sul retro? Gli piaceva schiacciare un pisolino lì dentro. Sii ottimista”. Ora… C’è un’altra cosa che si dice dopo una morte… …ma questa riguarda la fede. Ed è qui che comincio ad avere… …grossi problemi! Questa succede dopo il funerale, dopo la sepoltura, al ritorno a casa, al ritorno a casa… Dove la famiglia e gli amici e i cari del defunto… …stanno mangiano e bevendo… …e si godono qualche affettuoso ricordo della persona che è deceduta. Prima o poi qualcuno certamente dirà quanto segue, ehm… specialmente dopo alcuni drink. “Sapete… Penso che ora lui sia lassù… e ci guardi dall’alto sorridendo. E penso che sia contento”. Allora… Prima di tutto… Non c’è nessun… “lassù”… No, no… …da cui la gente possa sorridere. È poetico, è pittoresco… e penso che alla gente superstiziosa dia un po’ di conforto, ma non esiste. Ma se esistesse, se esistesse… …e se qualcuno in qualche modo sopravvivesse alla morte in forma non fisica… …personalmente penso che sarebbe fin troppo occupato con altre attività celestiali, per stare in giro per il Paradiso… …sorridendo… …alle persone vive. Che razza di eternità del cazzo è quella? E perché nessuno dice mai: “Penso che ora lui sia laggiù… e ci guardi dal basso sorridendo”? Evidentemente, non viene mai in mente alla gente che i loro cari potrebbero essere all’Inferno! I vostri genitori potrebbero essere all’Inferno proprio adesso! I vostri genitori… vostro padre di sicuro! Oh, merda, l’Inferno è pieno di papà! Pieno di papà… Anche quelli che vi hanno portato a vedere la partita. Solo per avervi preso a calci in culo una volta di troppo. E aver scopato la vicina di casa! E aver scopato il cane dei vicini! E chi lo sa, forse anche per aver scopato il tipo dell’UPS. Non sapremo mai che marachelle combinava papà. Genitori in Paradiso… Genitori all’Inferno, scusatemi… Mi dà una sensazione piacevole, sapete? NONNI all’Inferno. Immaginatevi quello. Immaginate vostra nonna all’Inferno. Che cucina torte senza bisogno del forno. E se qualcuno fosse all’Inferno, dubito seriamente… …che sorriderebbe. “Penso che ora lui sia laggiù e ci guardi gridando. E penso che sia in preda ad atroci dolori”.
La gente rifiuta di essere realista, non le piace essere realista. La gente preferisce masturbarsi. A tutti piace masturbarsi, sapete? Si masturbano da soli, si masturbano a vicenda, si fanno masturbare, masturbano il capo, il capo masturba loro, tutti masturbano tutti, è un gran masturbarsi in questo paese! Il governo vi masturba ogni giorno, la religione non ha mai smesso di masturbarvi, le grandi aziende vi masturbano per bene, ed è una grande, transcontinentale, nazionale masturbazione rossa bianca e blu! Sapete… Sì! Sapete quale dovrebbe essere l’emblema di questo paese? Dimenticatevi dell’aquila coraggiosa. L’emblema nazionale di questo paese dovrebbe essere lo Zio Sam nudo sull’attenti, e seduta su una sedia accanto a lui… …la Statua della Libertà che gli fa una sega! Quello sarebbe un bel simbolo per le Seghe Unite d’America! Sono tutte stronzate, gente… tutte stronzate e non vi fanno bene. Ora, parlando di persone morte in Paradiso… …ci sono alcune persone… …che non solo credono… …che i loro genitori morti in Paradiso possano vederli… OK? OK! Credono onestamente che i loro genitori morti in Paradiso… …li possano aiutare! Avete sentito parlare questa gente, ne sono sicuro. In qualche modo credono onestamente che i loro genitori morti in Paradiso… …possano intercedere con Dio a loro nome per ottenere favori per i viventi. Vengo da una famiglia cattolica, ho sentito queste stronzate! Si siedono lì sulla sedia col loro fottuto rosario e ti guardano così, sapete? E dicono, sapete: “Mio padre, mio padre si è preso cura di me… …si è preso cura si me sull’autostrada, mi ha fatto uscire dall’incidente…” “Oh, mia madre, mia madre era in chirurgia con me, lei era… …potevo sentire la sua presenza…” Sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì… Va bene!… Come se quelli che muoiono non avessero niente di meglio da fare che gestire… …il ramo paradisiaco della fondazione Make A Wish. Ora… Se la gente vuole a credere a questa roba mi sta bene, lasciate che ci credano, io non… non… non voglio disilludere nessuna delle loro credenze, ma ho una domanda a proposito. Una domanda che riguarda… la LOGICA! Supponiamo che sia vero. Accettiamo l’affermazione che in qualche modo i genitori morti in Paradiso possano aiutare i loro bambini vivi. Bene. Quindi… Abbiamo una famiglia che vive sulla Terra, padre, madre e quattro figli, una famiglia di sei persone, buona famiglia, bella famiglia, che fa tutte le cose giuste, si diverte e azzecca tutte le mosse. E i… i genitori vanno via per il weekend e rimangono uccisi in un incidente, e i bambini naturalmente sopravvivono. Quindi ora, secondo questa teoria, queste due persone vanno in Paradiso… …e iniziano ad aiutare i loro quattro bambini vivi. Aiutandoli con tutto ciò che serve loro: aiutandoli col loro progetto di scienze, con i test di ammissione, aiutandoli a entrare in buone scuole, a ottenere bei lavori, a ottenere una promozione e un aumento e qualcuno da sposare quando crescono. Questi bambini ora crescono e hanno figli a loro volta, e diciamo che tutti e quattro questi bambini ora cresciuti… …muoiono anch’essi nello stesso momento. Così, tanto per discutere. Diciamo che c’è un’esplosione alla cena del Ringraziamento. E questi quattro muoiono, ma i loro bambini sopravvivono… …perché erano seduti al tavolo dei bambini. Quindi… …quindi ora, secondo la teoria, questi quattro vanno in Paradiso… …e iniziano ad aiutare i loro figli vivi. Ma che succede ai due originari? Che succede ai nonni? Vanno fuori servizio, adesso? Che fanno? Ci sono dei programmi di pensionamento lassù? Ci sono delle attività per queste persone? Bocce, flipper, poker online? Dev’esserci qualcosa che possano fare! Oppure devono restare in servizio indefinitamente, devono continuare ad aiutare i loro discendenti vivi per sempre, nei secoli dei secoli? È tutto qui il senso del Paradiso, aiutare i vivi? Quand’è che puoi stenderti su una nuvola e prendere una cazzo di lezione di arpa, capite cosa intendo? Perché… …perché la gente muore… …la gente muore da un sacco di tempo, sono morti un sacco di figli di puttana, lo sapevate? Sì che lo sapevate che sono morti un sacco di figli di puttana! Ci hanno vissuto in cento miliardi su questa Terra. È quello che dicono gli esperti, cento miliardi di persone hanno vissuto qui. Diciamo che la metà di questi è morta ed è andata in Paradiso, ci sono 50 miliardi di persone lassù, è un posto molto affollato, dev’essere molto occupato e molto frenetico lassù. E Dio deve averne le palle piene di questi favori: “Sì, sì, lo so, la prova di spelling, martedì, levati dalle palle per favore! Levati dalle palle!” Sapete? Anche Dio può andare in sovraccarico sensoriale. Ecco perché ha voluto un giorno libero a settimana. I cristiani gli hanno dato la domenica, gli ebrei gli hanno dato il sabato, i musulmani gli hanno dato il venerdì. Dio ha un fine settimana di tre giorni! Che probabilmente è proprio ciò di cui ha bisogno. Ora, solo un altro paio di domande a proposito di tutta questa teoria: supponiamo che muori senza avere figli. Chi aiuti? Sconosciuti? Sarebbe gentile… Supponiamo che sei un bambino adottato. Chi aiuta TE? Tua madre biologica? Non sa nemmeno dove cazzo vivi! Supponiamo che uccidi i tuoi genitori. Ti aiuteranno? Vi garantisco che il signore e la signora Menendez non stanno aiutando quei due ragazzi… (Nota: Lyle ed Erik Menendez, uccisero i loro genitori nel 1989) No, no… Sì, sono tutte stronzate, gente, e non vi fanno bene. Tutte stronzate: ecco cosa vi dovete ricordare per passare attraverso la vita in questo paese… Sono tutte stronzate, e non vi fanno bene. Ora… parlando di genitori e parlando di stronzate… …due idee che non sempre si escludono a vicenda, a proposito… …vorrei citare un particolare tipo di stronzata… …che ha preso piede in questo paese negli ultimi trenta-quarant’anni. È una forma di stronzata che davvero può essere chiamata solo… …culto del bambino. È il culto del bambino. È questa eccessiva devozione per i bambini. Parlo dei genitori professionisti di oggi, questi… questi annusatori ossessivi di pannolini… …che stanno iperprogrammando e iperamministrando i loro bambini, e privandoli della loro infanzia. Anche il semplice atto di gioc… Anche il semplice atto di giocare… …è stato portato via ai bambini e messo nel programma di mamma… …nella forma di appuntamenti per il gioco. Qualcosa che dovrebbe essere spontaneo e libero, adesso viene rigidamente pianificato. Quand’è che un bambino può sedersi in un cortile con un bastone, ormai? Sapete, solo sedersi lì con un cazzo di bastone! I bambini di oggi lo sanno almeno cos’è un bastone? Sapete? Ti siedi in un cortile con un cazzo di bastone… …e scavi una cazzo di buca. E guardi la buca… e guardi il bastone… …e ti diverti un po’. Ma i bambini non hanno più bastoni. Non penso che siano rimasti dei bastoni! Pensano che siano stati ritirati tutti a causa della vernice al piombo. Chi avrebbe mai pensato che un giorno la produzione dei bastoni sarebbe stata esternalizzata in Cina? Ma sapete, un bambino non dovrebbe comunque perdere tempo con un bastone. Se ha quattro anni dovrebbe stare a casa… …a studiare per i suoi esami di ingresso all’asilo! La sapevate questa cazzata? Oggigiorno succede, sì, sì… Ci sono posti in cui ci sono esami di ingresso all’asilo. Quel povero stronzetto! Quel povero stronzetto riesce a malapena localizzare il suo uccello! Sapete… e… e già lo mettono sotto pressione perché abbia successo! Che abbia successo per il bene dei genitori! Questa non è forse una forma sofisticata di sfruttamento minorile? È peggio! È peggio dello sfruttamento minorile! A proposito di sfruttamento minorile, prossima fermata: scuola elementare! La scuola elementare, dove non lo lasceranno giocare a guardie e ladri… …perché incoraggia la vittimizzazione. E non lo lasceranno giocare a palla avvelenata perché è esclusorio. E incita all’aggressività. Starsene in piedi va ancora bene… Starsene in piedi è ancora permesso, ma non per molto, perché prima o poi qualche bambino se ne starà in piedi… …e i suoi piedi si addormenteranno e i genitori denunceranno la scuola… …e addio al fottuto starsene in piedi! Fortunatamente non tutto è perduto. Non tutto è perduto perché almeno sappiamo… …che quando finalmente riesce a giocare a qualunque gioco gli sia concesso, il bambino non perderà mai. Sappiamo che non perderà mai perché nell’America di oggi nessun bambino perde mai! Non ci sono più perdenti. Sono tutti vincitori. Non importa di quale sport o gioco o competizione si tratti, vincono tutti! Vincono tutti, tutti hanno un trofeo. Nessuno è un perdente. Nessun bambino oggigiorno ha modo di sentire quelle importantissime parole che formano il carattere: “Hai perso, Bobby! Hai perso, sei un perdente, Bobby!” Si perdono questa cosa! Sapete cosa dicono a un bambino che perde, oggigiorno? “Sei stato l’ultimo vincitore”. Molti di questi bambini non possono sentire la verità su di loro fino ai vent’anni! Quando il loro capo li chiama e dice: “Bobby, ripulisci la scrivania dalla tua merda e levati dalle palle, sei un perdente! Levati dalle palle!” Naturalmente i genitori di Bobby riescono a capire perché non riesca a tenersi un lavoro. A scuola era sempre nella lista dei migliori studenti! Quello che non capiscono, chiaramente, è che nelle scuole di oggi… …sono tutti nella lista dei migliori studenti! Sono tutti nella lista dei migliori studenti perché per essere nella lista dei migliori studenti… …tutto quello che devi fare è mantenere una temperatura corporea più o meno intorno ai 36 gradi. Ma non ci dovremmo preoccupare di come va a scuola, perché appena arriva l’estate se ne andrà al campo estivo. Sì, andrà al campo. Ma non per nuotare, fare escursioni o giocare a softball! No, no, no, no, no, no, no! Il bambino di oggi viene mandato lontano da casa per perdere peso. Lo manderanno al campo estivo dei grassi, o al campo del violino, o al campo della ceramica, o al campo del computer, o al campo per la leadership, qualunque cazzo di cosa sia. Un campo per la leadership? Non è quello in cui è andato Hitler? Campi estivi strutturati e specializzati… Devono tenere lo stronzetto occupato, vero? Devono tenere lo stronzetto occupato! Non vogliono che si ritagli un po’ di tempo non strutturato nei boschi. Non sarebbe una cosa buona… Dio non voglia che cominci a farsi le seghe! Ora, tutte queste stupide stronzate che stanno danneggiando i bambini… …sono fuoriuscite da una cosa che si chiama “il movimento dell’autostima”. Il movimento dell’autostima è iniziato nel 1970… …e sono felice di dire che è stato un totale fallimento, perché degli studi hanno ripetutamente dimostrato… …che avere un’alta autostima non migliora i voti, non aiuta nel fare carriera, non riduce nemmeno l’uso di alcol, e senza dubbio non riduce il ricorso alla violenza, di qualunque tipo. Perché, come si è visto, le persone violente, estremamente aggressive, pensano molto bene di loro stesse! Guarda un po’, i sociopatici hanno un’alta autostima. Chi ci avrebbe mai pensato, eh? Adoro quando succedono queste cose, adoro quando queste idee politicamente corrette crollano e bruciano e finiscono nella latrina. Ecco un’altra che ha tirato le cuoia: la pratica di ascoltare Mozart durante la gravidanza in modo che il feto lo possa sentire. Si pensava che aumentasse l’intelligenza. Non ha funzionato, non ha funzionato. Tutto quello che ha fatto è stato vendere un sacco di CD e rompere le palle a un sacco di feti. Il movimento dell’autostima ruotava attorno a un unico concetto: l’idea, l’unica idea, che ogni bambino è speciale. Ragazzi, lo ripetevano sempre, come per convincere loro stessi: “Ogni bambino è speciale!” E io dicevo sempre: “Andate affancuuuuulo!” Ogni bambino è chiaramente NON speciale! Ne avete mai visto uno? Avete mai dato uno sguardo da vicino a uno di questi cazzo di bambini? Sono bizzarri! Hanno un aspetto fottutamente bizzarro! Sono troppo piccoli, sono troppo fottutamente piccoli! Sono sproporzionati, la testa non va bene col corpo, le braccia sono troppo strane, e non riescono a camminare per la stanza in linea retta! E quando parlano, lo fanno come se avessero la bocca piena di merda! Sono incompleti! Incompleti, lavoro non terminato. Non dò mai credito ad un lavoro incompleto! Ora, P.T. Barnum potrebbe pensare che siano speciali… (Nota: P.T. Barnum, fondatore dello storico circo omonimo) …ma non io, io ho dei canoni estetici. Ma diciamo che è vero. Concediamolo. Oggi mi sento generoso. Accettiamo questa affermazione. Diciamo che è vero che in qualche modo… tutti… …tutti i bambini sono speciali. Che mi dite di tutti gli adulti? Non sono speciali anche tutti gli adulti? E se no… …se no, a che età passi… …dall’essere “speciale”… …ad essere “non tanto speciale”? E se ogni adulto è speciale, significa che siamo tutti speciali, e l’intera idea perde tutto il suo cazzo di significato! Ecco un’altra banalità che vi ficcano in gola: “I bambini sono il nostro futuro”. I bambini non sono il nostro futuro, e lo posso provare con la mia solita logica ineccepibile. I bambini non possono essere il nostro futuro perché… …quando il futuro sarà arrivato non saranno più bambini… …quindi ciucciatemi il cazzo! Sì. Come avrete notato, mi piace sempre presentare un argomento attentamente ragionato. Crescere un bambino non è difficile! Cercano di renderlo questo compito misterioso e difficile. Non ci vuole niente. È la cosa più facile del mondo, crescere un bambino, se segui i passi. Primo passo: prendi il bambino… …e lo metti fuori all’angolo della strada… …e lo lasci lì. Torni dopo una settimana. Se il bambino è ancora lì… ti sei procurato uno stupido fottuto bambino. Poi semplicemente procedi da quel punto. Sono tutte stronzate, gente, sono tutte stronzate e non vi fanno bene. Ora… Non si direbbe… …a giudicare da alcune cose che ho detto nel corso degli anni… …ma la gente mi piace. Davvero. Mi piace la gente, ma mi piace a piccole dosi. Non mi piace la gente per lunghi periodi di tempo. Mi vanno bene per un po’… …ma dopo che è passato circa… un minuto, un minuto e mezzo… …mi devo togliere dalle palle. E il motivo di questo… Il motivo… che voi potreste condividere, forse… …è che ho un livello di tolleranza molto basso per le cazzate! Tutto qui! Cazzate! E tutti vogliono raccontarti le loro cazzate! E molti non sanno quando smettere di parlare, avete mai incontrato un tipo così? Non sa quando smettere di parlare, continua sempre, blaterando come se avesse la diarrea verbale. Non sa quando la conversazione è finita, stupida merda volgare di cui non ti importa nulla. Cose di cui non sei neppure lontanamente interessato! “Ti ho detto di mia mamma e mio papà? Be’, mia mamma e mio papà sono andati in vacanza nel parco di Mammoth Cave, nel Kentucky. Questo circa… …sei anni fa, credo. Mi sembra che fossero sei. Circa sei anni fa. Sei o sette, forse sette, può essere. Da qualche parte lì in mezzo, sei, sette… Più di sei, meno di sette. Diciamo sei e mezzo. Allora, mia mamma e mio papà sono andati in vacanza a Mammoth Cave, nel Kentucky, E mio padre ha trovato un grosso sasso. Ciò che pensava fosse un grosso sasso, poi si scoprì che era uno stronzo di dinosauro! Uno stronzo di dinosauro pietrificato di 12 Kg. Sai, ora che ci penso… …potrebbe essere stato otto anni fa. Così sarebbe vicino al 2000, vero? Ti ricordi dell’anno 2000? Che cosa è successo? Tutti erano così preoccupati, e poi non è successo niente! Tanto casino e poi non è successo niente! Sai? Ragazzi… è strano, sai? Allora diciamo che sono otto… otto ann… O erano otto o erano cinque. Quindi il mio papà dà alla mia mamma questo grosso stronzo e dice: ‘Tieni mamma, questo è uno stronzo di dinosauro, mettilo nella borsetta così lo portiamo a casa’. La mia mamma dice: ‘Papà, non penso che questo sia uno stronzo di dinosauro, questa cosa è ancora calda! Chiunque abbia mollato questa cosa sta ancora camminando qui dentro… …e faremmo meglio a uscire da questa cazzo di grotta!’ NOVE anni fa! Nove! So era nove anni fa perché mia moglie era incinta del nostro primo figlio: Mahmud Ibenel Sahid Ben-Salaam. E lui ha dieci anni, adesso! O ne ha undici? Forse ne ha undici. O ne ha undici o ne ha cinque!” E mentre tutto questo accade, tu cerchi nella tua mente qualcosa di diplomatico ed educato e gentile da dire… …per far finire la conversazione. E tutto quello che mi viene in mente è: “Vattene affanculo!” “Vattene affanculo!” Ma non lo puoi dire! Tu… le buone maniere non lo consentono, devi trovare un altro modo. E io passo al… linguaggio del corpo! Tento di usare il linguaggio del mio corpo per far vedere che la conversazione è finita. Mi ritrovo a piegarmi a un angolo di 45 gradi… …tentando di indicare la direzione in cui vorrei andare… …se questa persona chiudesse la sua cazzo di bocca. E quindi potreste dargli anche un suggerimento verbale: “Sala operatoria! Sala operatoria, sono in ritardo per la sala operatoria! Vado a farmi cucire le orecchie!” Sapete… Sì… La stessa gente al telefono, la stessa gente al telefono! Non sanno quando riattaccare, non sanno quando la conversazione è finita. Le stesse stronzate banali, domande idiote: “Allora, cosa farete voi fra cinque estati? Noi non abbiamo programmi, Marge vuole andare al mare, ai ragazzi piacerebbe il lago e io voglio andare in montagna, la nonna vuole visitare sua sorella a Frogballs, Arkansas. E voi, avete qualcosa in programma? Non è mai troppo presto per fare programmi, noi andiamo in Norvegia nel 2025! Lo sapevi che fino agli anni ’50 l’economia della Norvegia si basava principalmente sulla pesca, ma ora grazie all’espansione dell’economia globale e al miglioramento delle tecniche di estraz…” “Sì”, e ancora una volta cerchi nella tua mente la cosa giusta da dire… …per porre fine alla conversazione. “Chiudi quella cazzo di bocca” viene alla mente… O “vattene affan…” Che ne dite di “Chiudi quella fogna”? Potrebbe andare bene… (Nota: nell’originale ‘Piehole’) O, se preferite le latrine, “Chiudi quella cazzo di latrina”! (Nota: nell’originale ‘Cakehole’) Ma queste cose non volete… non potete dire quelle cose, e non potete usare il linguaggio del corpo al telefono! Be’, potete sempre distrarvi, sapete… O, se è vostra madre, portate rispetto per vostra madre, mettetela in vivavoce… …ma questo non sposta la conversazione, dovete trovare un altro espediente, e io passo al tono della voce. Avete mai usato il tono della voce per cercare di convincerli a un atterraggio morbido? Cerchi di accompagnare la persona verso la fine. “Giusto… bene… OK… bene… a posto allora… bene, giusto… bene, OK, OK… a posto… Oh, cazzo, ecco che ricomincia, il succhiacazzi!” “Ti ricordi la mia vicina con le ustioni sul 90% del corpo? Be’, si è ustionata il rimanente 10% adesso… Si stava accendendo una scoreggia e il suo cespuglietto ha preso fuoco!” “Ascolti… ascolti, reverendo? rev… reverendo, reverendo, odio essere sgarbato, ma ho appena fatto una cacata di tre ore e mezza! E sto sanguinando dal buco del culo! No, non ce l’ho il mercurocromo. Sì, ci metterò su un cerotto di Snoopy, grazie. Sì, sì, grazie, lo faccia lei per me, dica una preghiera per il buco del mio culo, grazie mille”. Bisogna ricorrere a queste tattiche perché molta gente non capisce… …cosa dovrebbe essere una telefonata, o cosa SIA una telefonata. Idealmente una telefonata è il breve scambio di pochi, vitali, elementi di informazione. Questa è una telefonata: “Ehi, Steve, a che ora inizia il circolo dei segaioli stasera? Alle 10, OK, senti, farò un po’ di ritardo, dovrete iniziare senza di me. Oh, non ti preoccupare, recupererò, sto mangiando un sacco di ostriche e guardando un film zozzo. Ah, si chiama “Tarzan si scopa una zebra”! Russell Crowe! Be’, è un fantasy, proprio ora Reneé Zellweger lo sta succhiando a un unicorno!” QUESTA è una telefonata! Non dovrebbe essere un’arringa di due ore e mezza di tua cugina di terzo grado… …che descrive la liposuzione del suo postino. DIO, quant’è fottutamente noiosa la gente! La gente è proprio fottutamente noiosa! Sapete cosa sarebbe bello per uno come me? Andare in coma! Non sarebbe grandioso? Niente da fare tutto il giorno, soltanto cacare e respirare con un cazzo di tubo! Ti nutrono con un tubo, non c’è niente da fare! Ragazzi, se volete sapere com’è poltrire, ecco qua! Non ti arrivano telefonate, nessuno che fa un salto da te all’improvviso. E se fanno un salto da te, ne sei completamente inconsapevole! Perché sei in un cazzo di coma! E sei praticamente clinicamente morto! E non devi stare a sentire le loro stupide stronzate. Le loro stupide stronzate, come… …il loro nuovo trattorino tagliaerba, con il clacson bitonale e il GPS in caso si perdano in mezzo al prato! E il loro capo, e il loro lavoro, e la loro auto, e i loro bambini! Cristo Santo!  I loro bambini! Gente, gente… Niente di peggio… niente di peggio… …che essere bloccato da qualche parte con qualche coglione sposato… …e starlo a sentire mentre ti parla dei suo fottuti bambini! Lasciate che vi dica una cosa, gente: a nessuno interessano i vostri bambini, OK? Non ci interessano… non ci interessano. A nessuno interessano i vostri bambini, e parlo a nome di tutti! Sono stato incaricato dal resto del gruppo di informarvi che non ci interessano i vostri bambini, ed è per questo che sono i VOSTRI bambini! In modo che voi possiate prendervi cura di loro e noi non dobbiamo occuparcene. Ma ve lo dicono comunque. “Thor fa la seconda media, adesso, è nel Club del formaggio! Gisele ha cinque anni, ed ha già avuto nove cicli! Johann ha undici anni, e praticamente sta seduto in casa in preda ad allucinazioni tutto il tempo”. Poi vogliono mostrarvi le foto. Ecco un’altra dura prova: le foto. Questi piccoli gargoyle… …che hanno liberato dai loro lombi. Tutte queste mamme professioniste, che pensano che non ci sia niente di meglio di avere un bambino. Oh, pensano che sia la cosa più grande del mondo, come se fosse un grande evento, avere un bambino. Io lo chiamo espellere un’unità. Questo… questo è tutto ciò che fanno, questo è tutto ciò che fanno, espellere una fottuta unità. Un po’ come una linea di assemblaggio, come una fabbrica… Ogni cazzo di anno! “Ehi, Jeff, vuoi un figlio?” “O dei gemelli?” Inquinando il mondo! Inquinando il mondo con queste creature! Che non hanno futuro! Non hanno futuro! Avete mai pensato a come sarà questo pianeta fra 40-50 anni? Sarà una grande fumante palla di merda! Una grande, fumante, ardente, puzzolente palla di merda maleodorante. Ecco cosa succederà. Ecco cosa succederà! È da irresponsabili avere più di un figlio! Fatene uno, fate un figlio, valore di rimpiazzo per voi stesse, tutto qui. Non rimpiazzate nemmeno vostro marito! Non rimpiazzate vostro marito, no! Ha fatto già abbastanza danni così, cazzo. Ma vi vogliono mostrare le foto! A volte ti avvisano, sai, è bello, dicono: “Ehi, vuoi vedere delle foto dei miei figli?” “Nooo! Descrivimeli e basta”. Ma te le mostrano, e… …ci sono due modi in cui puoi comportarti, ho scoperto. Due modi per comportarti con le foto: il primo è il modo tranquillo. L’affronti con calma, senza innervosirti, stai al gioco… “Uh-uh… bimbo… …bimba, sì… …bimbo più grande… …bimba più grande, bene. Quattro! Senti, devo andare a lavarmi l’inguine, ci vediamo dopo!” E ti togli dalle palle. Oppure potete fare ciò che faccio io. Potete fare ciò che faccio io: siate un po’ onesti circa quello che vedete. Fate un tentativo. Dite la verità. “Guarda che cazzo di testa ha quel bimbo! Gesù, dove cazzo ha preso una testa così? Quella roba è ENORME! Lo hai già messo su YouTube? Avrebbe un sacco di contatti con una testa così. O mettilo su eBay, potresti fare un po’ di soldi, sai? Sono sicuro che qualche circo europeo non si lascerà sfuggire questo stronzetto per nulla al mondo, amico… Mio Dio, che cosa insolita! Senti, forse un giorno gli andrà bene, non si sa mai con i bambini. Lascia che ti chieda una cosa pratica: dove si trovano cappelli per un bimbo così?” Dite la verità, non dite cazzate alla gente. Non dite cazzate, ce ne sono già abbastanza in giro così. Ci sono un sacco di cazzate. Poi vogliono mostrarvi le foto della loro bambina. Che sta mettendo i denti permanenti. E pensano che sia una cosa carina! Non lo è! È orribile, cazzo! Avete… avete mai visto i denti dei bimbi di qualcuno? Avete mai dato un bello sguardo DENTRO la bocca? Ci avete mai guardato, e cosa succede? A volte diverse file di fottuti denti che spuntano? Che spuntano con strane angolazioni? “Ce n’è uno sotto la lingua, è un posto insolito per un dente. Un dente sublinguale, mio Dio, guarda che roba…” Ancora una volta, dite la verità. “Faresti meglio a cominciare a risparmiare fin d’ora, amico. Ti costerà una fortuna aggiustare questo schifo! Avrai bisogno di una squadra internazionale di ortodontisti 24 ore su 24… …per migliorarlo un po’… Dovresti chiamare la FEMA, mi sembra un bel cazzo di problema! (Nota: la FEMA, Agenzia Federale per la Gestione delle Emergenze, si occupa di disastri naturali) Ma tu guarda! Hai il numero della Guardia Nazionale? Fagli uno squillo! Senti, perché non glieli fai tirare tutti, così può ricominciare da zero? Oppure falle una foto con la bocca chiusa! Non ti risparmierà molte sofferenze, alla lunga. Senti, sei cattolico, per caso? Be’, te lo chiedo perché forse la dovresti portare a Lourdes e pregare per un miracolo, laggiù”. Dite la verità, non dite cazzate alla gente! Come ho detto, ci sono già abbastanza cazzate in giro così. Le cazzate sono abbastanza così, anzi, sono proprio nella giusta misura. Lo sapevate? C’è la giusta quantità di cazzate per tenere insieme le cose in questo paese. Le cazzate sono la colla… …che ci lega come nazione. Dove andremmo a finire senza le nostre sicure, familiari, cazzate americane? Terra dei liberi, patria dei coraggiosi, il sogno americano, tutti gli uomini sono uguali, la giustizia è cieca, la stampa è libera, il tuo voto conta… …il lavoro è onesto, i buoni vincono sempre, i poliziotti sono dalla tua parte… …Dio ti osserva, il tuo stile di vita non si abbasserà mai… …e tutto andrà per il verso giusto. Il mucchio ufficiale nazionale di cazzate. La chiamo la presa per il culo americana. Si può provare che ognuno di quegli elementi non è vero a un livello o un altro, ma ci crediamo perché ce li piantano in testa da quando siamo piccoli. Ecco cosa fanno con quella roba, la mettono nella testa dei bambini, la piantano lì, perché i bambini… …sanno che i bambini sono troppo giovani per organizzare un qualche argomento sofisticato contro questo tipo di idee. E così, i bambini… …e fino a una certa età, a proposito, i bambini credono a qualunque cosa un adulto dica loro, qualunque. Così i bambini non imparano mai a mettere in dubbio le cose, nessuno mette più in dubbio niente in questo paese! Nessuno mette in dubbio niente… Perché? La gente è troppo grassa e felice! La gente è troppo fottutamente benestante, per quanto li riguarda. Tutti hanno un cellulare che fa le frittelle e gli massaggia le palle, ora, sapete? Allora… nessuno vuole… Nessuno vuole rompere il giocattolo! E la gente… la gente… i gadget elettronici… Gli americani sono stati zittiti, comprati e zittiti da gadget elettronici e giocattoli. E il risultato è che nessuno ha mai imparato a mettere in dubbio le cose. Nessuno mette più in dubbio niente in questo paese. Nessuno mette in dubbio niente… Ora… OK… Vi ricordate di Barbara Bush? Io la chiamo la tamarra d’argento, ve la ricordate? Barbara Bush è la madre del governatore George Bush. Lo chiamo “governatore” Bush perché quello è l’unico incarico elettivo che ha ricoperto legalmente nel nostro paese, OK? George Bush W. Non mi importa dove appendono il suo ritratto, non mi importa quanto è grande la sua biblioteca, sarà sempre il governatore Bush. Non scrivo nemmeno più il suo nome con l’iniziale maiuscola! Quindi, lei è la madre del governatore George Bush, ed è anche la moglie di suo padre, George H. W. Bush, che diventò presidente nel modo normale, legale, tradizionale. E quando accadde, lei lo seguì per stare al suo fianco come first lady. E fino a oggi, questa è stata la tradizione: un uomo viene eletto e una donna gli sta accanto come first lady. E di solito, come nella vita americana in generale, si è accondiscendenti con la donna, la si accontenta, le si dà qualcosa da fare, per tenerla occupata. Tante volte le si dà un istituto di beneficienza, una causa, qualcosa per cui si possa battere. A Betty Ford dissero di bere, ve lo ricordate? (Nota: moglie del presidente Gerald Ford, aveva un passato da alcolizzata) Sì… Sì, era… era il compito di Betty Ford: “Betty? Ubriacati fino ad essere totalmente devastata, spaccata, sbronza, OK? Bevi fino a spaccarti, e ti ripuliremo, piccola, ti ripuliremo, ti metteremo in un istituto, e tornerai sobria, e daremo il tuo nome alla struttura, lì Liza Minnelli potrà tornare sobria, e tutto andrà bene”. Quello era il suo compito! Il compito di Barbara Bush era… …convincere i bambini a leggere! Ve lo ricordate? Convincere i bambini a leggere. Avranno pensato: “Ci è riuscita così bene con George… …che avrà un talento naturale nell’insegnare a leggere ai bambini”. Che è un punto di vista completamente sbagliato! Non è importante convincere i bambini a leggere! I bambini che vogliono leggere, leggeranno, i bimbi che vogliono imparare a leggere, impareranno. È molto più importante insegnare ai bambini a mettere in dubbio ciò che leggono! Ai bambini bisognerebbe insegnare a mettere in dubbio ogni cosa, a mettere in dubbio tutto ciò che leggono, tutto ciò che sentono. Ai bambini bisognerebbe insegnare a mettere in dubbio l’autorità, i genitori non insegnano mai ai bambini a mettere in dubbio l’autorità, perché… …i genitori stessi sono figure autoritarie, non vogliono sabotare le loro cazzate all’interno della famiglia! Così masturbano i figli, i figli masturbano loro, si masturbano tutti a vicenda, crescono tutti rincoglioniti e vengono a spettacoli come questo! I bambini devono essere avvisati che troveranno un sacco di cazzate sulla loro strada. È la cosa migliore che potete fare per i bambini, dire loro come funziona la vita in questo paese: funziona che ci sono un mucchio di cazzate che devono essere individuate ed evitate. È la cosa migliore da fare. Nessuno lo ha detto a me! Nessuno mi ha detto niente del genere. Non mi hanno mai avvisato di niente, ho dovuto scoprire tutto da solo, e tuttavia, e probabilmente anche per voi, ci sono tante cose a cui ci si aspetta che tu creda e accetti, in America, con cui personalmente ho dei problemi, e metto in dubbio molte di queste cose. Vi faccio un esempio: ho visto uno slogan sull’auto di un tizio che diceva: “Orgoglioso di essere americano”. E ho pensato: “Che cazzo significa?” “Orgoglioso di essere americano”… vedete… …non ho mai capito l’orgoglio nazionale, non ho mai capito l’orgoglio etnico. Perché… sono irlandese, sapete? Tutti e quattro i miei nonni sono nati in Irlanda, quindi sono completamente irlandese, e quando ero piccolo andavo alla marcia del Saint Patrick’s Day. E ho notato che vendevano una spilla che diceva “Orgoglioso di essere irlandese”. E non l’ho mai capito, perché sapevo… …che nel Columbus Day vendevano un’altra spilla che diceva “Orgoglioso di essere italiano”! E poi veniva il Black Pride, e il Porto Rico Pride, e non ho mai capito l’orgoglio nazionale o etnico, perché, per me, l’orgoglio dovrebbe essere riservato a qualcosa che raggiungi o ottieni per tuo merito, non per qualcosa che capita con la casualità della nascita! Essere irlandese… …essere irlandese non è un’abilità! È un fottuto caso genetico! Non direste mai: “Sono orgoglioso di essere alto 1 e 80”! “Sono orgoglioso di avere una predisposizione per il cancro al colon”. Quindi perché cazzo dovreste essere orgogliosi di essere irlandesi, o orgogliosi di essere italiani, o americani, o qualsiasi cosa. Ehi, se ne siete felici, va bene. Fatelo, mettete quello sulla vostra auto: “Felice di essere americano”. Siate felici, non siate orgogliosi, c’è già troppo orgoglio così. “L’orgoglio precede la sconfitta”, non dimenticate mai i proverbi, OK? Ora, ecco un altro slogan… …ecco un altro slogan che si vede spesso: “Dio benedica l’America”. Ancora una volta, mi chiedo rispettosamente: che cazzo significa? Dio benedica l’America? È una richiesta? È una pretesa? È un suggerimento? I politici lo dicono alla fine di ogni discorso, come se fosse un qualche tic verbale di cui non possono liberarsi. “Dio vi benedica e Dio benedica l’America!” Immagino che pensino che, se tralasciano di dirlo, qualcuno penserà che sono cattivi americani. Lasciate che vi dica un piccolo segreto su Dio, gente: a Dio non frega un cazzo di niente dell’America, OK? Non gli interessa, non gli è mai interessato questo paese, mai lo ha fatto, mai lo farà, non gli interessa questo paese, non più di quanto gli interessi la Mongolia, la Transilvania, Pittsburgh, il Canale di Suez o il Polo Nord. Semplicemente non gli interessa, OK? Non gli interessa! Sentite… Ci sono 200 nazioni al mondo, oggi, questa gente davvero pensa che Dio se ne stia lì seduto a scegliere la sua preferita? Perché dovrebbe farlo? Perché Dio dovrebbe avere un paese preferito? E perché dovrebbe essere l’America, fra tutti i paesi? Perché abbiamo più soldi? Perché gli piace il nostro inno nazionale? Forse è perché ha sentito che abbiamo 18 deliziosi gusti dei classici Rice-a-Ronie! (Rice-a-Ronie: cibo pronto consistente in un misto di riso, vermicelli e aromi) È un pensiero delirante. E gli americani non sono soli con questo tipo di delirio. I cimiteri militari di tutto il mondo sono stracolmi… …di militari morti a cui è stato fatto il lavaggio del cervello, che erano convinti che Dio fosse dalla loro parte. L’America prega Dio di distruggere i nostri nemici, i nostri nemici pregano Dio di distruggere noi… …qualcuno resterà deluso! Qualcuno sta perdendo il suo cazzo di tempo! Potrebbero essere… tutti? Ora… ora… La gente vuole dire “Dio benedica l’America”, fatti loro, non mi importa, ma non capisco una cosa: se dicono “Dio benedica l’America”, presumibilmente credono in Dio. E se lo fanno, devono aver sentito dire che Dio amava tutti! È ciò che ha detto, amava tutti e li amava allo stesso modo. Quindi perché questa gente dovrebbe chiedere a Dio di fare qualcosa che va contro il suo insegnamento? Sapete cosa dovrebbe fare questa gente che dice “Dio benedica l’America”? Dovrebbero controllare cosa faceva quel tizio, Gesù, per cui vanno matti. Parlano sempre di: “Che farebbe Gesù? Che farebbe Gesù?” Non vogliono saperlo per poterlo fare, vogliono saperlo per poter dire agli ALTRI di farlo! Beh, vi dirò cosa avrebbe fatto Gesù… …vi dirò cosa avrebbe fatto Gesù. Sarebbe salito in cima all’Empire State Building e avrebbe detto: “Dio benedica tutti in tutto il mondo per sempre, nei secoli dei secoli”, ecco cosa avrebbe fatto Gesù, ed ecco cosa dovrebbe fare questa gente, altrimenti dovrebbero ammettere che “Dio benedica l’America” è solo uno slogan vuoto, senza un vero significato, se non qualcosa di vago, come: “Buona fortuna!” “Buona fortuna, America, sono cazzi tuoi!” Il che è un po’ più vicino al vero. Ecco… ecco un’usanza civica che non capisco, forse potete aiutarmi: togliersi il cappello quando passa una bandiera, o qualche coglione allo stadio si mette a cantare l’inno nazionale. Ti dicono di toglierti il cappello. Che cazzo c’entra il cappello con il fatto di essere patriottici? Che possibile relazione esiste fra la testa scoperta… …e un sentimento che dovrebbe risiedere nel tuo cuore? Supponiamo che hai un cappello rosso bianco e blu! Supponiamo che hai un cappello fatto con una bandiera! Perché toglierselo per onorare la bandiera? Lo lasceresti a posto… …e lo punteresti verso la bandiera! E… E che c’è di tanto male nei cappelli da doverseli togliere? Perché non togliersi i pantaloni? O le scarpe! Te lo dicono all’aeroporto: “Togliti le scarpe!” Ti dicono che è per la sicurezza nazionale, quindi anche togliersi le scarpe potrebbe essere patriottico! Ho cominciato a farmi domande su queste stupide stronzate sui cappelli quando ero piccolo. Quando ero piccolo, ero cattolico. Almeno fino a quando ho raggiunto l’età della ragione, OK? Quindi, sono stato cattolico… …sono stato cattolico per circa due anni, due anni e mezzo, più o meno. E durante quel periodo, una delle cose che ci dicevano era… …che se un ragazzo o un uomo entravano in una chiesa dovevano togliersi il cappello… …per onorare la presenza di Dio. Ma mi avevano già detto che Dio è ovunque! Così mi chiedevo: “Be’, se Dio è ovunque… perché uno dovrebbe anche solo POSSEDERE un cappello? Perché non mostrare il tuo rispetto non comprandolo nemmeno, il fottuto cappello!” E per confondere ulteriormente le cose, dicevano alle donne esattamente il contrario! Le ragazze e le donne cattoliche dovevano coprirsi la testa quando andavano in chiesa. Come in certi templi, gli uomini ebrei devono coprirsi la testa, in quei templi… In quegli stessi templi, alle donne ebree non è concesso coprirsi la testa. Provate a venire a capo di questa merda! Uomini cattolici e donne ebree, niente cappelli. Le cattoliche… Le donne cattoliche e gli uomini ebrei, coi cappelli! Qualcuno ha capito questa cosa al contrario, cazzo! Non credete? E perché questo fascino religioso per la moda dei cappelli? Ogni religione ha un cazzo di cappello diverso! Lo avete mai notato? Gli indù hanno il turbante, i sikh hanno un turbante alto e bianco, gli ebrei hanno la yarmulka, i musulmani hanno la kefiah, il vescovo un giorno ha un cappello a punta e l’altro uno rotondo, il cardinale ne ha uno rosso, il papa uno bianco, tutti hanno un cazzo di cappello! Un gruppo se lo toglie, l’altro se lo mette. Personalmente non vorrei mai essere membro di nessun gruppo… …in cui devi indossare un cappello, o in cui non puoi indossare un cappello. Penso… Penso che tutte le religioni dovrebbero avere una regola soltanto: cappelli facoltativi! È tutto quello che serve per far funzionare un’ottima religione. Ecco un’altra di queste usanze civiche: giurare sulla Bibbia. Voi ci capite qualcosa? Ti dicono di alzare la mano destra e mettere la sinistra sulla Bibbia. Davvero questa roba è importante? Quale mano? A Dio frega davvero qualcosa di dettagli così? Supponiamo che metti la mano destra sulla Bibbia e alzi la sinistra: sarebbe valido? O Dio direbbe: “Spiacente, mano sbagliata, ritenta!” E per… …perché questa mano qui dev’essere alzata? Dov’è la magia in questo gesto? Sembra quasi un qualche primitivo bastone da stregone voodoo. Perché non mettere la mano sinistra sulla Bibbia e la destra appesa lungo il fianco? È più naturale. O metterla in tasca! Ricordate cosa vi diceva vostra madre? “Non metterti le mani in tasca!” Sapeva qualcosa che non sappiamo? Questa stronzata delle mani è davvero importante? Ma torniamo alla Bibbia, l’arredo scenico nazionale preferito dagli americani. Supponiamo che la Bibbia che ti passano per giurarci su sia capovolta. O messa al contrario. O entrambe le cose. E tu giuri di dire la verità su una Bibbia capovolta e al contrario. Sarebbe valido? Supponiamo che la Bibbia che ti passano è una vecchia Bibbia e mancano metà delle pagine. Supponiamo che hanno solo una Bibbia in cinese! In un tribunale americano. O una Bibbia in braille, e non sei cieco. Supponiamo… …che ti passino una Bibbia capovolta, al contrario, in cinese, in braille, con metà delle pagine mancanti. A che punto tutta questa roba viene meno… …e diventa una grossa stronzata che qualcuno si è inventato? Se la sono inventata, cazzo, è tutto finto! È tutto finto. Ora… bene… OK… Mettiamo da parte la Bibbia, torneremo ai libri di fantascienza più tardi. La domanda più importante è: perché tante scene a proposito di giurare su Dio, in primo luogo? Perché giurare su Dio significa che dirai la verità? Non condizionerebbe me! Se mi dicessero: “Giuri di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità, che Dio ti aiuti?” direi: “Sì! Ti dirò più o meno tanta verità quanta ne ha detta la gente che ha scritto quella cazzo di Bibbia, che ne dici?” Giurare sulla Bibbia non significa niente, è roba… è roba da bambini. Ricordate quando eravate bambini? Se dicevate a un altro bambino una cosa e lui non tanto ci credeva, diceva: “Giuri su Dio?” Io dicevo sempre: “Sì, giuro su Dio!” Anche se mentivo. Perché no? Che può succedere se mento? Niente! Non succede niente se menti! A meno che non ti becchino, ma è tutta un’altra storia! A volte un bambino credeva di fare il furbo con me e diceva: “Giuri sulla tomba di tua madre?” Dicevo: “Sì!” Perché no? Prima di tutto mia madre era viva, nemmeno ce l’aveva, una tomba! Secondo, anche se fosse stata morta, che avrebbe potuto fare, uscire dalla tomba e venire a perseguitarmi? Venire a perseguitarmi? Tutto perché ho mentito a un bambino di otto anni? Siate realisti, per favore! A volte dicevo: “Giuro sulle tette di mia madre”. I bambini restano colpiti da cose così! E poi non mi importava nemmeno delle tette di mia madre, non mi importava se cadevano, cazzi suoi! Non era un problema mio: “Sono le tue tette, mamma, tienile d’occhio tu!” Giurare su Dio non significa niente, giurare sulla Bibbia non significa niente. Sapete perché? Perché Bibbia o non Bibbia, Dio o non Dio, se conviene ai loro scopi, la gente mentirà in tribunale! I poliziotti lo fanno in continuazione, in continuazione! Sì, che lo fanno… È parte del loro lavoro, proteggere, servire, e dire falsa testimonianza ogni qualvolta è di aiuto alla causa dello Stato. Giurare sulla Bibbia è solo un altro modo di controllare la gente e metterla in riga, ed è un’altra cosa che ci tiene indietro come specie. Ecco un’altra aggiunta per voi, l’ultima nel nostro libro di educazione civica: i diritti. Ragazzi, tutti in questo paese vanno in giro blaterando dei loro fottuti diritti: “Io ho diritto, tu non hai diritto”, “Noi abbiamo diritto, loro non hanno diritto”, gente, mi dispiace rovinarvi la festa, ma… …non esistono cose chiamate “diritti”, OK? Sono immaginari, li abbiamo inventati! Come il Babau! I tre porcellini, Pinocchio, Mamma Oca, cazzate così. I diritti sono un’idea, sono solo immaginari, sono una bella idea! Bella! Ma nient’altro. Bella e immaginaria. Ma se pensate di avere dei diritti, lasciate che vi chieda questo: da dove vengono? La gente dice: “Vengono da Dio, sono di origine divina”… Oh, cazzo! Ci risiamo! Ci risiamo! La scusa di Dio, l’ultimo rifugio di un uomo senza risposte e senza argomenti. “Vengono da Dio”. Tutto ciò che non sappiamo descrivere dev’essere venuto da Dio. Personalmente, gente, io credo… …che se i vostri diritti venissero da Dio, Lui vi avrebbe dato il diritto a un po’ di cibo ogni giorno, e vi avrebbe dato il diritto ad avere un tetto sopra la testa. Dio si prenderebbe cura di voi. Dio si prenderebbe cura di voi. Lo sapete? Non si sarebbe preoccupato di assicurarsi che voi aveste una pistola… in modo da potervi ubriacare la Domenica sera e uccidere i genitori della vostra ragazza. Ma diciamo che è vero, diciamo che Dio vi ha dato questi diritti. Perché avrebbe dovuto darci un certo numero di diritti? La Carta dei Diritti qui da noi ha 10 articoli, OK? Dieci diritti. Evidentemente, Dio era svogliato quella settimana, perché… …abbiamo dovuto emendare la Carta dei Diritti altre 17 volte. Quindi Dio aveva scordato un paio di cose, come… …la schiavitù! Gli era proprio passata di mente, cazzo! Ma diciamo… …diciamo che Dio ci ha dato i 10 originali. Agli inglesi ne ha dati 13! La Carta dei Diritti inglese ha 13 articoli. I tedeschi ne hanno 29, i belgi ne hanno 25, gli svedesi solo 6, e alcuni popoli non ne hanno affatto! Che cazzo di maledetta roba di origine divina è questa? Nemmeno un diritto?! Perché Dio darebbe a gente diversa in paesi diversi un numero diverso di diritti diversi? Noia? Svago? Cattiva aritmetica? Alla fine, dopo tutto questo tempo, abbiamo scoperto che Dio è scarso in matematica? Non mi sembra che sia un progetto divino. Sembra più un progetto umano. Sembra più un gruppo che cerca di controllare un altro gruppo. In altre parole, niente di nuovo, in America. Ora, se credete di avere dei diritti, ho un ultimo compito da affidarvi: la prossima volta che siete al computer, collegatevi a internet e andate su Wikipedia. Una volta che siete su Wikipedia, nel campo della ricerca voglio che scriviate: “japanese americans 1942”. E scoprirete tutto sui vostri preziosi diritti del cazzo, OK? Bene… Ne siete a conoscenza. Nel 1942 ci furono 110.000 cittadini nippo-americani, benestanti, rispettosi della legge, che furono rinchiusi in campi di internamento… …semplicemente perché i loro genitori erano nati nel paese sbagliato. È tutto ciò che fecero di male, non ebbero nessun diritto a un avvocato, nessun diritto a un giusto processo, nessun diritto a una giuria di loro pari, nessun diritto a un processo di nessun tipo. L’unico diritto che ebbero: “Diritto da questa parte!” Nei campi di internamento. Proprio quando questi cittadini americani avevano più bisogno dei loro diritti, il loro governo glieli ha portati via! E i diritti non sono tali se qualcuno può portarseli via. Sono privilegi. È tutto ciò che abbiamo in questo paese: una Carta di Privilegi Temporanei, e se leggi i giornali anche male, sai che ogni anno la lista si accorcia sempre di più. Sapete, prima o poi… Sì… Prima o poi la gente in questo paese capirà che al governo non frega un cazzo di loro. Al governo non interessi tu, o i tuoi figli, o i tuoi diritti, o il tuo benesse, o la tua sicurezza, semplicemente non gliene frega un cazzo di te! È interessato al proprio potere, è l’unica cosa, a mantenerlo e ad espanderlo dove possibile. Personalmente, quando si parla di diritti, penso che una di queste due cose sia vera: penso che o abbiamo diritti illimitati, o nessun diritto. Personalmente, propendo per i diritti illimitati. Credo, per esempio, di avere il diritto di fare tutto ciò che voglio! Ma, se faccio qualcosa che non vi piace, penso che voi abbiate il diritto di uccidermi! Dove pensate di trovare un fottuto patto migliore di questo? Quindi, la prossima volta che qualche stronzo vi dice: “Ho diritto alla mia opinione”, voi dite: “Ah, sì? Be’, io ho diritto alla mia opinione, e la mia opinione è che tu non hai diritto alla tua opinione!” Poi sparate allo stronzo e andate via! Grazie!

RELATED POSTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here